facebook twitter rss

Turismo, cultura e sapori del mare:
torna Tipicità in Blu

ANCONA farà da teatro a una moltitudine di eventi tra il 18 e il 22 maggio, coinvolgendo non solo la Mole Vanvitelliana, ma anche Marina Dorica e i locali della città. Previste anche minicrociere lungo il Conero. Agli Stati generali del Turismo parteciperà il ministro Massimo Garavaglia
Print Friendly, PDF & Email

La conferenza stampa di Tipicità in Blu

di Giampaolo Milzi

Le due parole chiave dell’evento sono “blu” e “sostenibilità”. Con la città di Ancona per 6 giorni – dal 18 al 22 maggio prossimi – che assume il ruolo di capitale del mare, inteso come grande contenitore di esperienze, eventi, opportunità di studio e sviluppo, realtà territoriali ad esso strettamente e vitalmente legati, quali la nautica, la pesca, il turismo, la cultura, l’ecologia, la filiera alimentare.

Tipicità in Blu 2019

Tutto questo e molto di più, con un cartellone fittissimo di appuntamenti, dai convegni alle iniziative socio-aggregative, è “Tipicità in Blu”, manifestazione-festival giunta ad una edizione, la nona, più lunga nel tempo e più abbandonate nei contenuti. Blu come il colore che vorremmo caratterizzasse sempre e ovunque un Adriatico che vale un tesoro da preservare e valorizzare, attraverso buone e innovative pratiche in rete di “sostenibilità” economica ed ambientale. La manifestazione – promossa da Comune di Ancona, Fondo Mole e Camera di Commercio delle Marche in partnerariato con 14 soggetti (come il Banco Marchigiano, Coop Alleanza 3.0, Garbage Group e Pigini Group) ed organizzata in collaborazione con altri 16, tra enti ed associazioni, fra i quali l’Università Politecnica delle Marche – coinvolgerà attivamente luoghi iconici del capoluogo marchigiano strettamente legati al mare e alle sue attività più caratteristiche, come la Mole Vanvitelliana e Marina Dorica, ma anche il centro urbano, con l’organizzazione dei circuiti di locali che offrono speciali “menù in blu ed aperiblu”, proposti insieme a Confcommercio, CNA e Confartigianato.

Gli assessori comunali Paolo Marasca (alla Cultura e al Turismo) e Michele Polenta (all’Ambiente) hanno, con sfumature diverse, sottolineato come “Tipicità in blu” sia volta a migliorare la qualità della vita di tutte le categorie dei cittadini, in un’ottica progettuale di livello nazionale (e in link con l’altra sponda dell’Adriatico) e – hanno ribadito – di eco/sostenibilià, grazie ad un crescente lavoro di squadra. «Di ieri l’approvazione della legge salvamare che permette di recuperare le plastiche grazie all’apporto di chi pratica la pesca – ha detto Polenta – Il Comune è già avanti su questa linea». Una linea che coinvolgerà anche i diportisti. Di grande importanza, infatti, nell’ambito del festival lo spazio dedicato ad Ecomap, sulle buone prassi da adottare proprio nell’ambito del mondo della nautica da diporto.

foto d’archivio di Tipicità 2020

Per tornare in modo più preciso ai contenuti, le giornate della “blue economy”, dal 18 al 20 maggio, esplorano la prospettiva blu in tutte le sue molteplici sfaccettature. Focus su nautica e cantieristica, sviluppo territoriale costiero, sostenibilità, città portuali intelligenti, insieme a prestigiosi ospiti ed esperti internazionali, a confronto con le esperienze di altri territori italiani ed esteri. All’incontro sugli “Stati generali del turismo” (il 19 maggio alle 10 alla Mole) interverrà il ministro Massimo Garavaglia. Previsto anche un laboratorio con la partecipazione dell’Università dell’Indiana, dagli Stati Uniti. Attenzione anche al futuro della pesca ed al fondamentale ruolo delle donne nel mondo del blu.
Il Festival vero e proprio si dipana nel fine settimana del 21 e 22 maggio tra minicrociere lungo il Conero, “assaggi di Adriatico e di vigna”, con degustazioni dei sapori marinari, le scienze del mare raccontate dagli esperti, incontri con chef e personaggi del mare. Per gli amanti della vela e del cibo, a Marina Dorica ritorna la regata gastronomica “Sailing chef”, con i prodotti a km0 di Coldiretti ed i moscioli presidio Slow Food della Cooperativa Pescatori di Portonovo. Testimonial d’eccezione il giornalista-gastronomo Stefano Vegliani, indimenticabile volto e voce di Luna Rossa e delle sue epiche gesta per Mediaset.

 

Marina Dorica

Alla Mole, a partire dalle 17 di sabato e domenica, protagonisti gli alfieri della cucina anconetana. In programma show proposti dall’Associazione Cuochi della Provincia di Ancona con Walter Borsini dell’Hotel Fortino Napoleonico, Enrico Giacchetti del ristorante Giacchetti, Leonardo Castaldi di Wine Not e Giancarlo Filonzi de La Botte. Insieme a loro i vini di Umani Ronchi, Strologo, Moroder, La Calcinara e Fattoria Lucesole.
Grazie ai ragazzi di MicaMole, sarà inoltre possibile gustare assaggi di Adriatico accompagnati dai vini del Conero, con un allestimento che consentirà di godere con piacevolezza degli ampi spazi all’aperto e dei suggestivi ambienti della Mole. “Stoccafisso alla Mole” è invece la proposta dell’Accademia dello Stoccafisso all’anconitana, mentre Coop Alleanza 3.0 presenta gli assaggi “Cibi di terra, sapienza artigiana”.
In programma anche la presentazione del libro “Conero in pillole”, il laboratorio “Colora la Mole in Blu” per i più piccoli, un talk dedicato ai moscioli con Roberto Rubegni ed uno sulla scienza divertente con Gian Marco Luna, direttore CNR IRBIM.
Il week end di “Tipicità in Blu” alla Mole sarà inoltre l’ultima occasione per visitare sia la mostra di Frida Kahlo, che chiude i battenti proprio il 22 maggio, sia le proposte del Museo Tattile Statale Omero, con la Collezione Design e la mostra che si inaugura proprio nei giorni di Tipicità in Blu “La cultura della plastica – Arte, design, ambiente”.
Tutte le informazione sulla manifestazione e il suo cartellone sul sito web www.tipicitainblu.it

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti