facebook twitter rss

Marche, crescono gli occupati. Cna e Confartigianato: «Ormai il problema non è trovare lavoro ma lavoratori»

OCCUPAZIONE - Il primo trimestre del 2022 positivo per il mercato del lavoro marchigiano, con una crescita occupazionale del 4,8% sul I trimestre 2021 pari a 28.889 nuovi occupati
Print Friendly, PDF & Email

Marche, crescono gli occupati. Nel primo trimestre del 2022, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, i marchigiani che lavorano sono 28.889 in più, di cui 17.651 uomini e 11.238 donne. Una situazione, quella del mercato del lavoro marchigiano, che vede ridursi il numero dei disoccupati da 51.758 a 46.244 (- 5.514). Ma a diminuire sono soltanto i disoccupati maschi che scendono da 30.421 a 22.962 (-7.459) mentre le donne in cerca di lavoro aumentano da 21.237 a 23.282 (+1.945). In netto calo quelle che l’Istat chiama “forze di lavoro potenziali” ossia quelli che non cercano lavoro attivamente ma sarebbero disponibili a lavorare e quelli che il lavoro lo cercano ma non sono subito disponibili. In un anno si sono dimezzate, passando da 67.363 a 31.669 (-35.694 di cui 15.226 uomini e 20.468 donne). Lo affermano Cna e Confartigianato Marche che hanno elaborato i dati Istat.

«Ormai – commentano i presidenti di Cna Marche Paolo Silenzi e di Confartigianato Marche Emanuele Pepa – il problema non è tanto quello di trovare lavoro ma è diventato quello di trovare lavoratori. In certi settori manifatturieri oltre la metà di tecnici ed operai specializzati è considerato di difficile reperimento perché mancano le professionalità e molti non hanno una preparazione adeguata. Scontiamo la distanza tra domanda e offerta di lavoro che andrebbe affrontata attraverso politiche attive del lavoro da parte dei Centri per l’Impiego, in collaborazione con scuole e imprese».

In crescita gli occupati dipendenti e indipendenti. Lavoratori autonomi e partite Iva aumentano di 4.240 unità, pari al 3,0% ma crescono molto di più gli occupati dipendenti (+24.649 pari al 5,3%).
In termini assoluti, la crescita occupazionale è stata trainata dalle attività manifatturiere (+13.916 occupati) e dai servizi del commercio, dell’alloggio e della ristorazione (+15.352). Le costruzioni hanno incrementato l’occupazione di quasi 6mila unità in più rispetto allo scorso anno, con la crescita in termini percentuali più elevata (+21,6%). Sono risultati, invece, in deciso calo (-8mila) gli occupati nelle altre attività dei servizi (che comprendono servizi di informazione e comunicazione, attività finanziarie e assicurative, attività immobiliari, attività professionali scientifiche e tecniche, noleggio e agenzie viaggio servizi supporto alle imprese, amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria, istruzione, sanità e assistenza sociale, attività artistiche sportive di intrattenimento e divertimento, altre attività di servizi).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti