facebook twitter rss

Montelpare a tinte tricolori: è il nuovo campione nazionale Csi a cronometro individuale

CICLISMO - Il portacolori fermano a Rubbianello di Monterubbiano ha conquistato il titolo italiano del Centro Sportivo Italiano nella kermesse ad assegnare i primati nazionali nella categoria Master 7
Print Friendly, PDF & Email

 

MONTERUBBIANO – A volte i sogni diventano realtà per chi con tenacia e spirito di abnegazione, li insegue.

Il ciclista fermano Mauro Montelpare, (Pasta De Carlonis – Termoservicegas) originario di Torre di Palme, ha conquistato a Rubbianello di Monterubbiano il titolo di campione nazionale a Cronometro del Centro Sportivo Italiano nella kermesse che assegnava i tricolori che si sono svolti a Rubbianello (cronometro) e a Porto Recanati (strada) nella categoria Master 7.

Si è corso su un anello di 9,5 km con partenza da Rubbianello fino a piane di Ortezzano per far poi ritorno su quella che è stata la sede di avvio. Montelpare ha chiuso la frazione con il tempo finale di 14’18” precedendo Egidio Ioannucci (G. S. Elettrofonteiana) che ha impiegato il tempo di 14’45” e Marco Maria Aruffo (Asd Enzo Paglieta) che ha chiuso in 15’40”.

Domenica scorsa, nella prova in linea che si è svolta a Porto Recanati, Montelpare (detto “lu ferrà”), ha conquistato la medaglia d’argento battuto solo da Bonvini dimostrando di essere in possesso di una buona gamba. Mauro Montelpare ha iniziato a correre da giovane sotto la spinta del papà Serafino, grande appassionato delle due ruote nelle categorie Allievi, Juniores e Dilettanti, poi si è tuffato nel mondo amatoriale dove ha ottenuto più di 500 successi. Tra questi spiccano un campionato Europeo a Candia (Ancona), due mundialiti, vari campionati Italiani e regionali.

«E’ sempre una grande soddisfazione vestire una maglia tricolore – ha detto Montelpare – e quella conquistata a Rubbianello è stata bella perché arrivata dopo che in ben quattro occasioni ero arrivato secondo. Non me l’aspettavo e forse proprio per questo motivo me la sto ancora godendo. Peccato per la prova in linea dove sono giunto al secondo posto però, posso ritenermi soddisfatto di quello che sono stato in grado di fare. Voglio dedicare la maglia alla squadra e alla mia famiglia che mi supporta e sopporta».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti