facebook twitter rss

La Videx non fa sconti, al PalaGrotta si inchina anche Bergamo

SERIE A2 - Una grande Yuasa piega internamente l'Agnelli Tipiesse per 3-1, vicecapolista del girone alle spalle di Vibo Valentia. Con le tre lunghezze guadagnate oggi la compagine di coach Ortenzi sale a quota 14 e martedì tornerà in palestra per preparare il prossimo impegno previsto per domenica 27 novembre a Brescia, per la sfida alla Consoli Mc Donald’s

GROTTAZZOLINA – Al PalaGrotta arriva l’Agnelli Tipiesse Bergamo, gran protagonista della scorsa stagione e attuale seconda forza del campionato alle spalle della capolista Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia.

I bergamaschi scendono nelle Marche vogliosi di continuare la propria striscia positiva, avendo trionfato nell’ultima uscita contro il fanalino di coda Hrk Motta di Livenza dopo due stop consecutivi in trasferta contro Castellana Grotte e Reggio Emilia, mentre dall’altra parte della rete la Videx Yuasa Grottazzolina non vede l’ora di riprendere il proprio cammino interrotto a causa della sconfitta al tiebreak subita a Prata di Pordenone che ha posto fine ad un filotto di quattro successi posizionando ora i grottesi nella parte centrale della classifica.

Ad accendere l’interesse su questo incontro non poteva essere altro che la sfida tra gli opposti delle due contendenti che compongono, fino a questo momento, gran parte del podio dei migliori realizzatori della Serie A2: dalla parte dei padroni di casa c’è Rasmus Breuning Nielsen, capace di siglare 177 punti dopo appena sette partite, mentre nelle fila degli ospiti troviamo Williams Padura Diaz che si trova al terzo posto grazie a 135 conclusioni vincenti.

Coach Gianluca Graziosi arriva al PalaGrotta facendo a meno del proprio palleggiatore Igor Jovanovic e schiera quindi in avvio Mattia Catone al palleggio, Williams Padura Diaz in diagonale, Tim Held e Roberto Cominetti in banda, Riccardo Copelli e Antonio Cargioli al centro, Alessandro Toscani nel ruolo di libero; dall’altra parte della rete coach Massimiliano Ortenzi risponde con Manuele Marchiani in cabina di regia, Rasmus Breuning Nielsen opposto, capitan Riccardo Vecchi e Dusan Bonacic (al rientro in campo dopo il piccolo infortunio patito 15 giorni fa) schiacciatori ricevitori, Marco Cubito e Filippo Bartolucci centrali con Roberto Romiti a comandare le operazioni di seconda linea.

IL TABELLINO

VIDEX YUASA GROTTAZZOLINA 3: Romiti A. ne, Giorgini (L2) ne, Cubito 4, Vecchi 7, Focosi 2, Bartolucci 7, Breuning 24, Ferrini, Bonacic 14, Marchiani 2, Leli ne, Romiti R. (L1) 59% (50% perf.). All. Ortenzi, vice Minnoni

AGNELLI TIPIESSE BERGAMO 1: Copelli 12, Held 18, Catone 1, Lavorato, Cargioli 6, Cominetti 11, Toscani (L) 79% (32% perf.), Pahor ne, Mazzon, Cioffi 2, Padura Diaz 13, Jovanovic ne. All. Graziosi, vice Morato

PARZIALI: 25–20 (24’); 25–20 (28’); 23–25 (27’); 25–22 (32’)

ARBITRI: Salvati Serena e Oranelli Alessandro

NOTE: Grottazzolina 15 errori in battuta, 4 ace, 9 muri vincenti, 56% in ricezione (40% perf), 51% in attacco. Bergamo: 20 errori in battuta, 4X ace, 9 muri vincenti, 59% in ricezione (24% perf), 48% in attacco

LA CRONACA

Il primo vantaggio della partita è firmato da Bonacic che a muro sigla il 2-0 in favore della Videx Yuasa; il martello cileno continua a farsi sentire ancora con lo stesso fondamentale fermando Held (5-3) mentre Padura Diaz spara sull’asta il suo attacco regalando il 6-3 ai ragazzi di coach Ortenzi. Copelli ferma il primo tempo di Bartolucci facendo recuperare un punticino ai suoi compagni (10-8) ma l’ace dello stesso centrale grottese porta la formazione di casa sul 12-8 costringendo coach Graziosi a chiamare il suo primo timeout; Bonacic è “on fire” ed un suo pallonetto dietro al muro bergamasco vale il 14-9 mentre, nell’azione successiva, Marchiani stoppa Cominetti per il +6 Videx Yuasa (15-9). Gli attacchi di Cubito, Vecchi e Breuning fan volare Grotta 19-12 con Bergamo che si fa prendere un po’ dalla fretta sbagliando due attacchi che consentono a Grottazzolina di allungare ulteriormente sul 21-12. Coach Graziosi incita a più non posso i suoi che riprendono coraggio ed accorciano sul 21-15, con Ortenzi che non ci pensa due volte decidendo di fermare immediatamente il gioco. Al rientro in campo Held, dai nove metri, trova la zona di conflitto di casa Grotta mentre Cioffi ferma Bartolucci per il -4 Agnelli Tipiesse (21-17); ecco allora il turno di coach Ortenzi ad alzare la voce per scuotere i suoi ragazzi: Breuning, da posto due, spara sulle mani alte del muro lombardo per il 23-18, Bonacic trova il mani-out di Padura Diaz (24-18) con lo stesso opposto di Bergamo che spara in rete il servizio che permette alla Videx Yuasa di chiudere la prima frazione con il punteggio di 25-20. Da segnalare in questo primo set i 6 punti di Dusan Bonacic con il 57% di realizzazioni.

Al cambio di campo il primo strappo è ancora della Videx Yuasa con l’ace di Breuning ed il contrattacco vincente di Bonacic che mandano i padroni di casa sul 10-8 mentre Padura Diaz spara sull’asta il suo colpo regalando a Grottazzolina il 12-9; Held prova a riportare sotto i suoi (13-12) ma ci pensa Breuning da posto 2 e Vecchi al servizio a rintuzzare il tentativo di recupero di Bergamo e portarsi così sul +4 (17-13) con Graziosi che prova a ripararsi nel timeout discrezionale. Alla ripresa del gioco due veloci di Bartolucci valgono il +5 (19-14) ma l’Agnelli Tipiesse è lì e non molla ma, anzi, recupera due lunghezze grazie a Cominetti (19-16); i grottesi son bravi a mantenere un cambio palla regolare: la parallela di Breuning spinge i ragazzi di Ortenzi verso il 23-19, l’errore al servizio di Held manda la Videx Yuasa al set point (24-20) con Cominetti che spara out per il 25-20 in favore di Grottazzolina ed il conseguente doppio vantaggio nel computo dei set.

Cominetti ricomincia da dove aveva terminato ossia da un suo attacco largo che regala alla Videx Yuasa il 3-1 ma Copelli recupera subito il gap trovando il 5-5; Breuning tira una diagonale stretta impressionante che manda i suoi avanti 8-7 ma la successiva parallela out dell’opposto danese consente all’Agnelli Tipiesse di mettere la freccia e passare a condurre 8-9. Held spinge da posto 4 e consente ai suoi di guadagnare un break di vantaggio (12-14), Bonacic stoppa Padura Diaz riportando il risultato in perfetta parità a quota 16 ma il martello cileno sbaglia il suo successivo attacco con l’opposto di Bergamo che trova l’ace che vale il 16-19 ed il timeout chiamato da coach Ortenzi; la sospensione chiamata dall’allenatore grottese ha i suoi effetti in quanto Cominetti manda larga la sua conclusione per il 19-18 e poi spara di nuovo out il suo colpo regalando alla Videx Yuasa il pareggio (19-19). Held lancia i suoi sul 20-22 grazie a due punti consecutivi, dall’altra parte Breuning risponde siglando il -1 (21-22) e Marchiani stoppa proprio Held per l’ennesima parità, stavolta a quota 22; Focosi difende una palla impossibile su Held ma l’attacco grottese non trova le mani del muro bergamasco (22-23) ed il successivo fallo in palleggio fischiato a Bartolucci vanifica il possibile pareggio regalando agli ospiti il 22-24. Vecchi annulla a Bergamo la prima occasione per chiudere il set (23-24) ma alla seconda possibilità Cargioli firma il 23-25 riaprendo così la sfida.

Sulle ali dell’entusiasmo l’Agnelli Tipiesse rientra dalla pausa con il turbo inserito e vola subito sull’1-4, firmato da Copelli, mentre l’ace di Cominetti e la conclusione di Held fan volare gli ospiti sul 2-7; Breuning prova a caricarsi la sua squadra sulle proprie spalle siglando prima l’8-5 e poi i punti del 10-8 e 10-9 ma anche quello che riporta il risultato in parità (10-10) facendo esplodere di gioia tutto il PalaGrotta. Il lungo punto a punto tra le due formazioni (17-17) viene spezzato da Cominetti che stoppa Breuning per il 17-19 ma il neo entrato Focosi vendica il suo compagno e ferma Copelli per il nuovo pareggio a quota 19; l’attacco dell’opposto danese è largo e consente a Bergamo di acquisire un break di vantaggio (20-22) ma, nell’azione successiva, si vendica immediatamente riportando a -1 i suoi compagni (21-22). Padura Diaz pesta la linea dei tre metri con Bonacic che, dal servizio, trova l’angolino di posto 5 firmando il sorpasso (23-22) mentre Marchiani spalanca le mani a muro e stoppa Held facendo diventare il palas una bolgia infernale (24-22). Si arriva così al match point con Catone che alza di nuovo a Held e Focosi che alza un muro insuperabile per l’ovazione e la standing ovation di tutto il PalaGrotta per una Videx Yuasa che non finisce mai di stupire.

Le tre lunghezze guadagnate oggi fan salire a quota 14 questa Grottazzolina a punti finora in 7 delle 8 partite fin qui disputate; la truppa di coach Massimiliano Ortenzi evita per un filo di giocare l’ennesimo tiebreak e da martedì tornerà in palestra per preparare il prossimo impegno: domenica 27 novembre si viaggerà infatti verso Brescia, per sfidare la Consoli Mc Donald’s alle ore 18:00.

LE DICHIARAZIONI

Grande pubblico, grande prestazione, grande risultato. La ricetta perfetta per coronare un appassionante weekend di volley che ha visto Vecchi e compagni avere la meglio su una delle formazioni più quotate del torneo. Dall’altro lato della rete mancava sì un regista del calibro di Jovanovic ma Bergamo è pur sempre Bergamo e la qualità dei restanti interpreti è indiscutibile così come la bontà dell’impresa grottese.

Una gara di polso sin dalle prime battute, due set condotti autorevolmente dal primo all’ultimo pallone ed un terzo sciupato proprio sul più bello che rischiava di rimettere pericolosamente in carreggiata la compagine orobica. L’avvio di quarto parziale sembrava poter indirizzare la sfida proprio in questo senso con Cominetti e compagni a prendere subito il largo dopo una manciata di palloni giocati, la Videx Yuasa ha saputo però mantenere la giusta freddezza ricucendo poco alla volta lo strappo fino a sferrare la zampata decisiva al fotofinish. Se Rasmus Breuning Nielsen è la solita certezza (24 punti, 54% in attacco), il rientrante Dusan Bonacic ha dato ampio respiro alla compagine di Ortenzi con 14 segnature complessive, condite con 3 muri vincenti e l’ace che nel quarto parziale ha prodotto il decisivo sorpasso grottese sul 23-22 nell’estasi generale del PalaGrotta. Buone percentuali realizzative anche al centro con l’80% di Cubito ed il 63% di Bartolucci, il quale ha chiuso con 7 punti, un ace ed un muro. Sempre dal centro coach Ortenzi ha operato nel finale la mossa decisiva gettando nella mischia Leonardo Focosi, risultato poi decisivo con il muro che ha permesso alla Videx Yuasa di chiudere i giochi.

Palpabile la soddisfazione del tecnico grottese a fine match: “A differenze di altre occasioni abbiamo fornito un approccio veramente importante – ha dichiarato Massimiliano Ortenzi -. Siamo entrati subito in partita con grande voglia di lottare su ogni pallone e grande consapevolezza di poter fare bene. Sapevamo di poterli mettere in difficoltà anche alla luce dell’assenza del loro palleggiatore titolare (Jovanovic, ndr) e direi che abbiamo giocato una gran bella pallavolo”.

Un risultato pesante, difficilmente pronosticabile alla vigilia, che catapulta la Videx Yuasa al quarto posto in classifica. Un momento più che favorevole, il cui sano e legittimo entusiasmo non deve però incidere sull’atteggiamento della squadra. Il profilo, per ovvie ragioni, resta basso: “La classifica non dobbiamo guardarla, non è una questione di scaramanzia ma semplicemente di umiltà – ha ribadito con fermezza il coach grottese -. Bisogna mantenere l’atteggiamento di chi deve sudare per guadagnarsi ogni cosa, partita dopo partita, perché anche domenica abbiamo visto che quando le cose sembrano in discesa inizia a calare l’attenzione, arriva qualche errore di troppo e a quel punto basta molto poco per perdere un set. Continuiamo a lavorare a testa bassa per arrivare ad esprimerci al miglior livello possibile”.

Menzione speciale per Leonardo Focosi, subentrato dalla panchina nel momento clou e capace di fornire un apporto fondamentale nell’economia del risultato: “Sono molto contento per lui perché non giocava da un po’ e dopo una bella settimana di lavoro si meritava questa chance – ha proseguito Ortenzi -. E’ entrato con il giusto atteggiamento ed ha fatto molto bene”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti