Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook twitter rss

Cucina tradizionale: scopriamo il Vietnam

CURIOSITÀ DALL’ESTERO - La cucina del Vietnam è in grado di esprimere al meglio la varietà di questo straordinario Paese. Le ricette tradizionali nate qui sono infatti centinaia e provengono da ogni estremità delle tre macroaree del Vietnam (Vietnam del nord, centrale e del sud)

La cucina del Vietnam è in grado di esprimere al meglio la varietà di questo straordinario Paese. Le ricette tradizionali nate qui sono infatti centinaia e provengono da ogni estremità delle tre macroaree del Vietnam (Vietnam del nord, centrale e del sud).

Esattamente come succede in molte altri Paesi asiatici, l’ingrediente principale in tantissime preparazioni della cucina vietnamita è il riso. A questa materia prima vengono spesso aggiunte verdure, carne (principalmente maiale, pollo e manzo) e pesce (soprattutto gamberetti).

La cucina di questo Paese è inoltre supportata da un’importante visione filosofica. Molti dei piatti provenienti da tutto il Vietnam soddisfano infatti alcuni requisiti di equilibrio per cui quasi tutti i piatti includono quelli che sono considerati i cinque sapori fondamentali: piccante, aspro, amaro, salato e dolce. Questi gusti corrispondono poi a cinque organi (cistifellea, intestino tenue, intestino crasso, stomaco e vescica), cinque colori (verde, rosso, giallo, bianco e nero) e ai cinque sensi.

I viaggiatori che intendono recarsi in Vietnam, possono approfittare del visto Vietnam elettronico per gustare la cucina vietnamita in tutta la sua diversità. Ecco alcuni dei piatti più simbolici di questa cucina.

GỎI CUỐN

Chiamati anche involtini vietnamiti o involtini estate, i gỏi cuốn si compongono solitamente di carne, gamberetti e verdure avvolti in un sottile strato di carta di riso. Questo tipo di involtini non viene cotto e viene servito fresco e a temperatura ambiente. I gỏi cuốn vengono serviti come antipasto e oggi si possono trovare in qualsiasi ristorante vietnamita.

PHỜ

Il phở è una zuppa che ha come ingredienti principali brodo, spaghetti di riso, carne (di manzo o di pollo) e germogli di soia. È considerato il piatto nazionale del Vietnam e la sua versatilità lo rende il piatto perfetto da gustare sia in contesti familiari che in ristoranti o come street food. Il piatto è nato agli inizi del ‘900 e oggi ogni zona del Vietnam ha il suo modo di prepararlo.

(foto Kirill Tonkikh)

BÚN CHẢ

Il bún chả è un piatto originario di Hanoi composto principalmente da carne di maiale grigliata, spaghetti di riso e verdure. A questi tre ingredienti è affiancata di solito una salsa di accompagnamento realizzata con un mix di salsa di pesce, aceto, succo di limone e aglio. Oggi la fama di questo piatto è andata ben oltre la città di Hanoi, conquistando prima tutto il Vietnam e poi i ristoranti vietnamiti di tutto il mondo.

BÁNH MÌ

Il bánh mì rappresenta il piatto per eccellenza dello street food vietnamita. Si presenta come un panino e viene consumato prevalentemente a colazione o come snack. È formato da una sorta di baguette realizzata con un mix di farina di riso e di frumento. Gli ingredienti più comuni con qui viene farcito questo pane croccante sono carne di maiale, daikon, carote, cetriolo e coriandolo.

(foto Amy Tran)

CHÈ BA MÀU

L’ultimo piatto della lista è un dessert. Il chè ba màu, conosciuto soprattutto per i suoi colori sgargianti, consiste in una coppetta formata da tre strati di diverso colore. Lo strato rosso è formato da una crema zuccherata di fagioli rossi. Lo strato centrale è occupato da una gelatina di colore verde acceso realizzata con agar agar e pandano, una pianta dal gusto dolce e floreale utilizzata in diversi piatti della cucina asiatica. L’ultimo strato è di colore giallo ed è preparato unendo fagioli mung e zucchero. A questi tre strati vengono poi aggiunti del ghiaccio tritato e una salsa cremosa al cocco.

I rifugiati che a metà del secolo scorso si sono allontanati dal Vietnam a causa della guerra hanno contribuito a diffondere queste ricette nel mondo. Tanti di questi piatti, infatti, godono ormai di fama mondiale e possono essere trovati anche nei ristoranti vietnamiti che ultimamente sono nati anche in Europa e in America. I viaggiatori che si recano in Vietnam possono gustare una delle cucine nazionali più ricche e varie. Talvolta uno stesso piatto può avere decine di varianti diverse a seconda della zona in cui viene preparato. Approfittando della durata di 30 giorni del visto, i turisti hanno il tempo di girare il Paese alla scoperta di tutti i piatti più simbolici di questo magnifico Paese.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti