facebook twitter rss

Una cometa di 22 metri in piazza, il Gigli illuminato ed il logo del 70° sotto al municipio: a P.S.Elpidio il “Natale è luce”

PORTO SANT'ELPIDIO - Questa mattina è stato presentato il cartellone che da giovedì 8 dicembre a sabato 7 gennaio animerà le festività natalizie tra via Principe Umberto e via Cesare Battisti con artisti di strada, spettacoli teatrali, concerti, mercatini ed installazioni luminose. Franchellucci: «Dopo due anni di pandemia era importante non rinunciare al Natale»
Print Friendly, PDF & Email

 

di Leonardo Nevischi

Nonostante un caro bollette da fronteggiare, a Porto Sant’Elpidio l’obiettivo condiviso nelle settimane scorse da Amministrazione comunale e commercianti era «Non spegnere il Natale». E così sarà. Di fatto, Patrizia Canzonetta ed Emanuela Ferracuti, rispettivamente assessore al Commercio e al Turismo della cittadina rivierasca, non solo hanno deciso di assecondare le esigenze aggregative dei commercianti e di non spegnere la magia delle feste, bensì di avvolgere via Principe Umberto e via Cesare Battisti con varie istallazioni luminose.

«Dopo due anni caratterizzati dalla pandemia, quest’anno era importante risaltare lo spirito di aggregazione e non rinunciare all’atmosfera natalizia nella nostra città – ha esordito questa mattina in conferenza il sindaco Franchellucci -. Vogliamo essere sempre di più una città vocata al Natale e quest’anno l’ambientazione legata all’aspetto illumino-tecnico ci permetterà di allestire un contesto di assoluta qualità».

Dunque un segnale di vicinanza ai commercianti e alla cittadinanza in un momento difficile nel quale il caro energetico insiste anche sulle attività ma le festività, come il Natale, possono sopperire all’aumento delle spese. Da qui nasce il claim del cartellone degli eventi: “Natale è luce”, che in senso figurato simboleggia la speranza, ma in senso letterale descrive l’idea del Natale elpidiense. «Sarà un mese luminoso – ha spiegato la Canzonetta -. Abbiamo fornito un albero a tutti i quartieri, le varie vie cittadine verranno addobbate con luminarie temporizzate, illumineremo per la prima volta in assoluto il Cineteatro Gigli e, oltre all’albero, in piazza installeremo una stella cometa di 22 metri, anch’essa luminosa». Finito qui? «No perché a corredo ci saranno altre stelle luminose poste nei punti cardine del centro, come ad esempio sotto la Torre dell’Orologio. In municipio, invece, vi sarà il logo illuminato del 70esimo anniversario della città. Anche le palme della stazione faranno parte della cornice luminescente attraverso una decorazione con la scritta “Auguri”».

Luminarie costate al comune 52 mila euro ma che non saranno l’unica peculiarità scenica presente. «Abbiamo acquistato una nuova casetta in legno che diverrà dapprima la dimora di Babbo Natale e poi della Befana. Davanti la stazione invece vi sarà un albero fatto ad uncinetto donato dal quartiere Centro». Ed a tal proposito la Canzonetta ha tenuto a ringraziare le varie associazioni di quartiere e di commercianti che si sono spese per la città, così come i numerosi sponsor. «Siamo stati fortunati perché nonostante siamo giunti al termine dell’anno hanno lasciato delle risorse per il programma natalizio – ha detto -. Addirittura alcune iniziative sono sponsorizzate direttamente da coloro che ci supportano».

Tra queste associazioni vi è anche la Pro Loco, che curerà il mercatino in via Cesare Battisti ed il 10 dicembre, al Teatro delle Api, proporrà l’Operetta “Cin Cin Là” con la regia della compagnia milanese di Elena D’angelo. «Il ricavato sarà devoluto alle Pro Loco delle Marche colpite dall’alluvione» ha puntualizzato la presidente Daniela Piergentili.

La programmazione è ricca e attraverso l’intrattenimento per bambini e famiglie punta a coinvolgere tutti. «Abbiamo fatto un lavoro intenso e impegnativo – ha evidenziato la Ferracuti -. Questo Natale ha l’obiettivo di rivitalizzare il commercio e allo stesso tempo essere una valida offerta per le esigenze delle famiglie: per questo gli eventi si concentreranno prevalentemente nei fine settimana». Le occasioni di intrattenimento non mancheranno: si inizierà con il coro Gospel e i trampolieri del giorno dell’accensione (ore 17) e si proseguirà con il presepe di Angelo Medaglia, i concerti, gli spettacoli teatrali, gli show per i più piccoli (come il mago Ivan o il trenino slitta di Santa Claus), le animazioni, gli zampognari itineranti e i mercatini (oltre a quello dell’hobbistica della Pro Loco ci sarà quello tradizionale della piazzetta dei mestieri organizzato dalla Cna in via Principe Umberto).

Un Natale che complessivamente costerà meno di 100 mila euro, ma che nell’ultimo consiglio comunale ha generato dibattiti. «Nel corso degli anni i conti comunali sono senza dubbio migliorati, ma dobbiamo sempre fare i conti con le tegole dei piani sicurezza e della Siae – ha chiosato Franchellucci -. È giusto ribadire che questa amministrazione si è sempre spesa per il Natale e vi abbiamo anche destinato parte delle risorse dell’imposta di soggiorno, che quest’anno è aumentata e ci ha permesso di pianificare con tranquillità iniziative fuori stagione come la festa di San Crispino ed il Natale».

 

Ecco il programma completo (*il mercatino a cura dell’Associazione Quartiere Faleriense di domenica 11 si terrà sabato 17):


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti