facebook twitter rss

Balestrieri (FdI): «Manutenzione, così non va. L’amministrazione deve delle spiegazioni»

PORTO SANT'ELPIDIO - Il consigliere comunale FdI: «E’ giunto il momento che l’Amministrazione comunale - conclude Balestrieri - si esponga pubblicamente chiarendo ai cittadini elpidiensi, con la giusta dovizia di particolari che si deve ai contribuenti, le reali ragioni di una manutenzione così approssimativa dei beni comunali»
Print Friendly, PDF & Email

Andrea Balestrieri

«A Porto Sant’Elpidio ci sono zone dove la cattiva manutenzione del patrimonio pubblico è sotto gli occhi di tutti e sarebbero necessari interventi di manutenzione che invece o non vengono effettuati o vengono effettuati con criteri a dir poco discutibili». E’ quanto sostiene il consigliere comunale FdI, Andrea Balestrieri.

«Non è pensabile transitare lungo via Principe Umberto in pieno centro città e in una via riqualificata alcuni anni fa, e trovare al posto dei blocchi di mattonelle rattoppi di catrame; è una situazione che è impensabile sia sotto l’aspetto del decoro pubblico sia perché questa riqualificazione è costata alle casse comunali centinaia di migliaia di euro e la manutenzione, anche se non comprensibile su una via nuova realizzazione, deve essere fatta a regola d’arte. È impensabile vedere simili lavori. Oltre a questo si aggiungono i numerosi mattoni che saltano dalla sede stradale dopo giornate di pioggia; transenne, cartelli che avvertono di fatti che ormai hanno stancato, con i conseguenti pericoli che possono portare a situazioni critiche per l’incolumità pubblica se non tempestivamente segnalate. Alla pavimentazione appena menzionata si aggiungano tratti importanti di pista ciclabile da sistemare urgentemente e comunque prima della bella stagione. E’ giunto il momento che l’Amministrazione comunale – conclude Balestrieri – si esponga pubblicamente chiarendo ai cittadini elpidiensi, con la giusta dovizia di particolari che si deve ai contribuenti, le reali ragioni di una manutenzione così approssimativa dei beni comunali».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti