facebook twitter rss

Procedono i lavori allo SpazioBetti: diventerà un luogo di formazione, cultura e innovazione sociale

FERMO – Il piano terra dell'ex scuola a San Francesco ospiterà un’area destinata all’organizzazione di eventi culturali, un’area per la formazione-lavoro, lo sportello di Portierato Sociale e un punto ristoro, senza contare gli spazi per l’accoglienza turistica e sociale
Print Friendly, PDF & Email

Prendono forma le aree del progetto denominato “SpazioBetti. Eco-sistema di servizi e azioni socio-culturali integrati ad alta sostenibilità” al piano terra dell’immobile dell’ex scuola media a San Francesco. La dittà Marmorè Costruzioni sta procedendo con i lavori propedeutici a realizzare: un’area destinata all’organizzazione di eventi culturali, un’area per la formazione-lavoro, lo sportello di Portierato Sociale per essere di supporto in quei servizi di assistenza a categorie più fragili come giovani e anziani, un punto ristoro, senza contare gli spazi per l’accoglienza turistica e sociale.

Ad agosto 2022 il Dipartimento della funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri aveva pubblicato la graduatoria con cui veniva riconosciuto al Comune di Fermo per il progetto l’importo di 450 mila euro nell’ambito del FIS – Fondo di innovazione sociale (DPCM 21 dicembre 2018) ed il progetto Spazio Betti è tra i soli 18 progetti finanziati in questo programma (fase II sperimentazione dal Dipartimento di Funzione Pubblica).

La progettualità di innovazione sociale vede un accordo di partenariato con: Coop. Soc. Nuova Ricerca Agenzia RES di Fermo (in qualità di soggetto proponente e capofila), WEGA impresa sociale di Amandola, Avanzi   – Sostenibilità per Azioni – srl e Banca Popolare Etica (in qualità di ente finanziatore), finalizzata ad avviare un percorso di co-progettazione con il Comune di Fermo per l’attuazione degli interventi previsti dal progetto.

«Prende forma con questi lavori il progetto di SpazioBetti che si prospetta di diventare un importante avamposto di portierato sociale, formativo, informativo, ricettivo – ha detto il Sindaco Paolo Calcinaro -. Lavori che avranno un ulteriore sviluppo, successivamente al recupero completo ed alla ristrutturazione dell’intero immobile, per cui alla Città di Fermo sono stati già riconosciuti nel 2022 fondi Pnrr per 5 milioni e mezzo di euro».

«Un progetto che, attraverso il tema della sostenibilità economica, potrà fornire, attraverso l’integrazione e l’interazione, molteplici servizi con una forte vocazione sociale fra cui la formazione, il portierato e l’accoglienza – ha aggiunto l’assessore alle Politiche Sociali Mirco Giampieri -. Anche in questo caso Sociale e Politiche Comunitarie corrono su binari paralleli per cui ringrazio il Dirigente Giovanni Della Casa e Fabio Ragonese, sempre del Comune di Fermo, per la cura ed il coordinamento dell’intero progetto».

«Procedono i lavori che serviranno per creare spazi e aree nell’ambito del progetto di innovazione sociale di SpazioBetti. Un ringraziamento al Dirigente Ufficio Progetti speciali e fondi comunitari del Comune di Fermo Giovanni Della Casa e a Fabio Ragonese dello stesso ufficio, all’Ufficio Tecnico con il Dirigente Alessandro Paccapelo e all’ing. Daniela Diletti che sta seguendo e coordinando i lavori, oltre che ovviamente ai partner che credono in questo progetto» ha detto l’assessore alle Politiche Comunitarie e ai Lavori Pubblici Ingrid Luciani.

«Il progetto Spazio Betti, attraverso l’integrazione di servizi turistici, culturali e sociali, mira alla sostenibilità degli investimenti pubblici e privati e ad affermare un modello innovativo di rigenerazione degli spazi urbani che potrà essere riproposto anche in altri contenitori in corso di riqualificazione» le parole di Stefano Ranieri, referente dell’Agenzia Res.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti