Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook twitter rss

Riccardo Vecchi e Videx, si prosegue di pari passo

SERIE A2 - Si rinnova la fiducia tra lo schiacciatore, prodotto della cantera M&G, e la Yuasa del futuro, con la conferma nella costruzione del roster da impegnare nella prossima stagione sportiva

GROTTAZZOLINA – Uomo e tifoso ancor prima che atleta. Riccardo Vecchi (foto), classe 1996, 185 centimetri, è nato e cresciuto nella M&G Scuola Pallavolo fino a diventare luminoso esempio di quanto sogni e ambizioni vadano costantemente difesi e nutriti fin dalla tenera età.

Un messaggio forte e chiaro per tutti quei giovani atleti che sognano un giorno di poter alzare un trofeo con la propria squadra del cuore. Lo schiacciatore marchigiano si prepara ad affrontare la quinta personale stagione in A2 con un bagaglio di emozioni che, a scapito della lunga militanza, si rinnova di anno in anno. “Ancora una volta la società ha scelto di rinnovare la fiducia nei miei confronti e questo mi riempie di soddisfazione – ha dichiarato Riccardo Vecchi -. Non è mai qualcosa di scontato, specialmente ora che ci misuriamo nella pallavolo che conta, perciò ci tengo ad esprimere tutta la mia gratitudine. Per me si tratta dell’ennesimo capitolo con questa maglia addosso ma ogni volta sorgono sempre delle nuove motivazioni e una nuova voglia di ricominciare”.

Ricominciare da dove si è lasciato, auspicando ulteriori conferme e nuovi passi in avanti. “La stagione appena conclusa ci ha insegnato che la Serie A2 è un campionato equilibrato e di grande livello, allo stesso tempo ci ha portato la consapevolezza che possiamo e dobbiamo farne parte a testa alta – ha proseguito lo schiacciatore grottese -. In questo momento è ancora prematuro parlare di obiettivi, la società sta allestendo un organico per puntare ad un campionato di livello ripartendo dai risultati appena centrati (salvezza e final eight di Coppa Italia, ndr). Quando lo scacchiere sarà pronto e potremo dare uno sguardo anche alle altre contendenti allora capiremo se sarà lecito ambire a qualcosa di più”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti