Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook twitter rss

Il Nastro Rosa 2023 solcherà anche le Marche, per un mese di vela al femminile

REGATA - Una sorta di Giro d’Italia per i mari nazionali, organizzato in collaborazione con la Marina Militare Italiana, vivrà la sua terza edizione dal 29 giugno, con partenza da Genova, per chiudersi il 30 luglio a Venezia. Dal 22 al 25 luglio la tappa regionale nelle acque adriatiche di San Benedetto del Tronto. Tra le due uniche portacolori italiane selezionate per prendere parte alla suggestiva kermesse marittima al femminile figura Anna Johnson, pronta ad illustrarne i dettagli

Il Nastro Rosa, una sorta di Giro d’Italia a vela organizzato in collaborazione con la Marina Militare Italiana, raccoglie atleti da tutto il mondo suddivisi successivamente in acqua in dieci squadre con diverse tipologie di imbarcazioni.

Il suggestivo tour che andrà a solcare i mari patri, articolato a tappe, troverà avvio a Genova e si chiuderà a Venezia, transitando per le Marche in quel di San Benedetto. Tutto a partire dal prossimo 29 giugno, per giungere all’epilogo il mese successivo, precisamente il 30 luglio. Dal 22 al 25 luglio, la tappa regionale, con il transito in Riviera.

Tra le due uniche portacolori italiane selezionate per prendere parte alla suggestiva kermesse marittima al femminile, giunta al terzo atto annuale, figura Anna Johnson (al centro della foto), che illustra come “il Nastro Rosa trova spunto da un’iniziativa di Riccardo Simoneschi, in collaborazione con un noto quotidiano nazionale in rosa, appunto, La Gazzetta dello Sport. Grazie ad un concorso vinto nell’estate 2022 sono stata selezionata per partecipare alla prossima edizione dell’iniziativa”.

“Le squadre a prendere parte alla versione 2023 saranno dieci – spiega la concorrente -, ognuna formata da un Figaro 3 (barca che compie il vero e proprio giro, ndr) un Waszp, imbarcazione innovativa che ultimamente è di grande interesse fra i giovani e un Kite-foil, con queste ultime due chiamate a compiere delle regatine nelle varie tappe, utilizzando quindi un bus per spostarsi da una location all’altra. Io prenderò parte alla gara dei Waszp insieme ad altri nove ragazzi provenienti da tutto il mondo, fra cui australiani, canadesi ed olandesi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti