facebook twitter rss

Dopo i furti la rocambolesca fuga sulla ss16. Si schiantano contro un’auto: caccia aperta a quattro fuggitivi (Le Foto)

FERMANO - I carabinieri hanno intercettato l'auto sospetta, una Giulietta bianca, a Porto Sant'Elpidio. Vistisi braccati, i quattro uomini a bordo sono scappati a tutto gas sulla Statale per poi schiantarsi contro un'auto in sosta a San Michele di Fermo. Da lì la fuga a piedi. Braccati dai carabinieri

L’auto bianca usata dai malviventi per la fuga e quella contro cui si sono schiantati

di Sandro Renzi e Giorgio Fedeli

La folle fuga a tutta velocità sulla statale Adriatica, tampinati dai carabinieri. Poi lo schianto contro un’auto in sosta: quattro persone scappano a piedi e ora è caccia alla banda di fuggitivi.

Notte di fuoco quella iniziata a Fermo e proseguita a Porto Sant’Elpidio per poi concludersi, nuovamente a Fermo, più precisamente nel quartiere di San Michele. A seguito della segnalazione di alcuni furti in appartamento avvenuti proprio nel capoluogo di provincia questa sera (e sui social ne è stato segnalato anche un altro a Porto San Giorgio), i carabinieri, già sul piede di guerra per la recrudescenza di colpi in appartamento, come raccontato da Cronache Fermane (leggi qui e anche qui), quest’oggi hanno messo in campo tutte le forze a loro disposizione per catturare i ladri con controlli a tutto campo contro i reati predatori nel Fermano.

E da qui, anche se al momento è presto per accertare un’eventuale correlazione, si passa a quell’auto, una Giulietta bianca, finita nei radar dell’Arma. Così sono scattati dei posti di controllo a Fermo e lungo tutta la costa. E alla fine quella Giulietta è sbucata per davvero. I carabinieri l’hanno notata mentre transitava, in direzione nord, all’altezza della rotatoria delle Mimose, a Porto Sant’Elpidio. A quel punto i militari l’hanno seguita ma la loro presenza non è sfuggita a quei quattro uomini a bordo dell’auto che, notati dallo specchietto retrovisore i carabinieri, hanno deciso di scappare. L’auto si è lanciata in una folle fuga, a tutta velocità sulla ss16, invertendo la marcia e tornando verso sud. All’altezza di via Monza hanno svoltato a destra salendo su per la collina. Poi, arrivati al bivio di via Trani e via Barletta, hanno girato a sinistra. Ma la folle velocità ha fatto perdere al conducente il controllo dell’auto che si è schiantata contro una Peugeot in sosta lungo la strada.

Con il veicolo ormai fuori uso, i quattro sono balzati fuori dall’auto e sono scappati a gambe levate. Dietro, alle loro calcagna, i carabinieri. E in un batter d’occhio l’intera zona si è riempita di militari e lampeggianti. Così è scattata la caccia alla banda di fuggitivi. Le divise hanno iniziato a perlustrare ogni anfratto, angolo buio, giardino pubblico e privato, cortili, garage, raccogliendo anche alcune testimonianze oculari di residenti, tra quelli che hanno visto o sentito qualcosa di strano o insolito dalle loro case. La caccia ai quattro è tutt’ora in corso.

Che ci sia una qualche correlazione, dicevamo, tra i furti messi a segno in serata (e si parla di un bottino di diverse decine di migliaia di euro tra gioielli e soldi trafugati) e i banditi in fuga, è presto per dirlo. E anche su questo lavorano senza sosta i militari dell’Arma che, ovviamente, passeranno al setaccio anche l’auto usata per la fuga, rimasta in via Trani, ormai inutilizzabile dopo lo schianto.

Raffica di furti nella notte: nel mirino dei ladri appartamenti, un asilo e una pizzeria

Raffica di furti nella notte: banda delle casseforti in azione dalla Valdaso a Fermo. Indagini serrate dei carabinieri


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti