facebook rss

Trasferimento della Potes a Fermo,
Del Vecchio: “Ennesimo sfregio ai sangiorgesi,
l’amministrazione va fermata”

sabato 21 gennaio 2017 - Ore 18:26
Print Friendly, PDF & Email

Come era prevedibile, la notizia del trasferimento, dal primo febbraio, della Potes da Porto San Giorgio a Fermo, ha provocato le inevitabili reazioni dell’opposizione. e dopo l’ex sindaco Agostini ad annunciare un’interrogazione (leggi l’articolo) ora è il turno del capogruppo Fi, Carlo Del Vecchio: “L’amministrazione comunale va fermata, a tutti i costi. E l’unico modo per farlo è mandarli definitivamente a casa la primavera prossima. Il Centrosinistra e il Pd hanno ridotto la nostra città a una landa desolata con, tutto intorno, realtà comunali che invece hanno ritrovato il loro dinamismo. Così aprono le porte anche agli avvoltoi della colonizzazione. E oggi l’ennesimo colpo: perderemo anche la Potes che si sposterà da Porto San Giorgio a Fermo. E anche in questo sfregio ci sono affronti su affronti ai sangiorgesi. In primis un’amministrazione che sa da mesi ma non dice nulla, tutto nascosto nelle segrete stanze di Loira e del Pd. Evviva la trasparenza di chi dovrebbe rappresentare la collettività. A questo si aggiunga che, con la Potes che se ne va, la nostra struttura ospedaliera, già depredata a più riprese, verrà umiliata ulteriormente. E la difesa di Loira quale è? (leggi l’articolo) Lo sapeva, si è fatto sentire, ha battuto i mignoli in cambio di mere promesse: una piscina e un H24, forse, per l’estate? Ma la smetta. I Sangiorgesi non sono come l’Amministrazione, senza peso alcuno e fatta di soldatini agli ordini della politica sovra-comunale. Si nascondono dietro le chiacchiere. Ma resta un fatto. La Potes all’ex ospedale avrebbe garantito tempi di intervento sicuramente più rapidi per la città e per la costa. Ma questo evidentemente, per chi deve solo ubbidire, non ha alcun valore. Fermiamoli e mandiamoli a casa altrimenti ci spoglieranno di tutto, anche di quel poco che è rimasto, per colpa loro, alla nostra Porto San Giorgio”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X