facebook twitter rss

Verde Mare, gli operai non mollano:
“Chiediamo sostegno a chi vive col campeggio”

Print Friendly, PDF & Email

protesta operai verde mare

Lo avevano dichiarato apertamente, ieri. E oggi hanno mantenuto la promessa. Gli operai e i dipendenti del Verde Mare, a cui ieri mattina la Guardia di Finanza ha messo i sigilli per lottizzazione abusiva, sono tornati a protestare lungo la statale Adriatica. Ieri mattina si erano incatenati (leggi l’articolo e guarda le interviste) per poi spostarsi, a suon di cartelloni, proprio all’imbocco della strada che dalla ss16 conduce al villaggio vacanze di Felice Chiesa (leggi l’articolo). “E’ stato inferto un colpo mortale al turismo. Continua la nostra protesta dopo che ieri  ci siamo visti, per la seconda volta,  mettere i sigilli dalla Guardia di finanza al “nostro” campeggio. Noi dipendenti chiediamo sostegno a tutti coloro che dal Verde Mare traggono notevoli  profitti economici. Dove sono i nostri fornitori, le associazioni di categoria, la nostra amministrazione comunale? Parliamo di uno dei primi  campeggi della riviera adriatica, uno dei più grandi, con presenze di 180 mila persone. Un danno economico incommensurabile. Il nostro orario di lavoro, nostro malgrado, si è trasformato in presidio di protesta pacifica per sensibilizzare l’opinione pubblica


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X