facebook twitter rss

Stucchi: dal no al “referenzium”
all’interrogazione parlamentare
per il Verde Mare

PORTO SAN GIORGIO - Il senatore della Lega nord, dopo la conferenza stampa per il no alla consultazione popolare, ha incontrato il titolare del campeggio sequestrato: "Stiamo valutando se fare un'interrogazione parlamentare sul caso specifico. Ora studierò bene la vicenda"
venerdì 7 ottobre 2016 - Ore 20:54
Print Friendly, PDF & Email

78a8f5a1-4403-4839-8769-0f56db6f8c3a

Questa sera, alle 18, al bar pasticceria Mazzaferro di Porto San Giorgio è arrivato il senatore Ln Giacomo Stucchi. Ad attendere il presidente del Copasir i consiglieri regionali Marzia Malaigia e Sandro Zaffiri, il segretario regionale Luca Paolini, il presidente regionale Giordano Giampaoli, il commissario provinciale Milco Mariani e il coordinatore comunale del Carroccio, Fabio Senzacqua. Oggetto della conferenza stampa? Tutti i perché del no al referendum sulla riforma costituzionale.

Fabio Senzacqua

Fabio Senzacqua

“Domani dalle 9 alle 12 saremo anche in piazzetta Silenzi per spiegare a tutti perché votare no al referendum, o meglio referenzium – l’introduzione, con la spiegazione di Senzacqua del gioco di parole che associa la consultazione popolare al cognome del premier – quello del 4 dicembre sarà un voto importante anche per mandare un chiaro messaggio al Pd, anche qui a Porto San Giorgio, visto che nel 2017 si vota per le comunali”. “Siamo chiamati al voto – è il turno di Malaigia – per una riforma referenziaria. Il presidente del Consiglio, non eletto, prima ci ha detto che si risparmierà un miliardo di euro. Poi, quando qualcuno gli ha fatto notare che stava dicendo una balla, è tornato sui suoi passi. Bisogna votare no anche per bocciare un governo che ha condotto in maniera disastrosa l’Italia. Hanno fatto crollare le politiche sociali, tagliano i servizi essenziali. E poi si inventano un referendum per togliere le attenzioni da problemi veri come il lavoro che si tramutano anche in suicidi. Parliamo dell’approccio del Pd al terremoto? Minimizzano tutto inventandosi anche il cratere sismico in cui rientrerebbero solo 17 Comuni quando invece il sisma ha investito tre province. Stanno affossando quelle zone che vivono di turismo di ritorno. Io ho chiesto anche che l’area montana dei Sibillini fosse inserita nel piano cinematografico della Regione…proposta bocciata”.

61801d62-7fb2-40ff-80fa-c7f142673c19

Giacomo Stucchi

“La Costituzione – aggiunge Giampaoli – è nata per renderci liberi. Invece questi vogliono un  uomo solo al comando. Uno schema del genere in passato ha fatto tanti, troppi danni. Renzi vuole solo aumentare il centralismo. Stanno allontanando i nostri giovani dall’Italia. E li stanno sostituendo con gli “amici” africani”. “Quella del 4 dicembre sarà una battaglia di libertà ancor più decisiva delle elezioni. Se passa il sì – le parole di Paolini – viene stravolta la natura del paese. Toglieranno gli organismi di controllo e finiranno per controllare tutto, dal presidente della Repubblica alla Corte costituzionale. Siamo dinanzi a un sistema di scatole cinesi. E sapete, sul Senato, quanto si risparmierà alla fine? Dai 40 ai 50 milioni di euro, insomma un F35. L’unica norma che Renzi doveva inserire, quella antiribaltoni, non l’ha messa”. “E’ una presa in giro già dal titolo che è diverso dai contenuti – conclude Stucchi – rimarremo con un bicameralismo zoppo. Non si va incontro alle volontà dei cittadini. Ma d’altronde cosa potevano fare un presidente, una maggioranza e un programma non scelti dagli italiani? E’ necessario che si voti con coscienza e consapevolezza. Mi spieghino come mai i mentori della sinistra, quando bocciavano le nostre proposte erano saggi e oggi, visto che criticano aspramente questo referendum, non lo sono più. Sarà un referendum su Renzi quindi votare no contro il contenuto della riforma e contro il governo”. Poi la notizia per il locale che tanto locale non è più. A fine conferenza stampa, infatti, Stucchi, Paolini e Senzacqua si sono appartati con Felice Chiesa, il titolare del Verde Mare sequestrato dalla Finanza per lottizzazione abusiva. Una lunga chiacchierata. “Sì – ammette Stucchi – stiamo valutando se fare un’interrogazione parlamentare sul caso specifico. Ora studierò bene la vicenda”.

g.f.

a579db55-7552-49fe-80a6-90a924324119

Giacomo Stucchi al tavolo con Felice Chiesa e Luca Paolini

0bcf80c6-6c10-4c40-86f1-56927cf81fb7

Il volantino che verrà distribuito domani in piazzetta Silenzi

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X