facebook twitter rss

La tradizione popolare marchigiana
arriva in classe

domenica 20 Novembre 2016 - Ore 16:08
Print Friendly, PDF & Email

progetto scuola tradizione Marche saltarello

Inedite lezioni basate sulle nostre tradizioni sono in arrivo nelle scuole primarie di Montegranaro. A partire da dicembre infatti gli istituti “Santa Maria”, “San Liborio” e “Capoluogo” ospiteranno settimanalmente il progetto gratuito “Balliamo insieme con musica, allegria e tradizione” curato dall’associazione culturale gruppo folk Lì Matti de Montecò. Si tratta della prima volta a Montegranaro ma di un bis nel fermano, perché i corsi sono stati già proposti e con successo un anno fa a Sant’Elpidio a Mare.
Li Matti de Montecò da sempre sono impegnati nella diffusione, riscoperta e valorizzazione della tradizione musicale marchigiana e hanno deciso di trasmetterla ai bambini affinché i piccoli, il nostro futuro, possano preservarla. Corsi e progetti gratuiti sono stati realizzati in numerose scuole del maceratese e tramite essi si vogliono creare le condizioni per la ripresa delle tradizioni e degli usi locali e quindi una riscoperta delle nostre radici e della nostra cultura sovente messe ai margini.progetto scuola tradizione Marche saltarello
A tenere le lezioni sarà l’insegnante di ballo Monia Scocco, figura giovane e già assai nota che, assieme al gruppo di Montecosaro ha partecipato a manifestazioni in tutta Italia, festival internazionali del folklore, scambi culturali con città europee e a trasmissioni televisive Rai (“Geo & Geo”, “Mezzogiorno in famiglia” o “La prova del cuoco”).
Durante le lezioni spiegherà l’origine e le tecniche delle danze tradizionali della nostra zona, degli abiti, degli strumenti musicali utilizzati e delle abitudini passate. Il principale ballo popolare marchigiano insegnato sarà il saltarello, inoltre verranno eseguite altre danze gioiose che erano soliti ballare i nostri avi dopo il rientro a casa da una giornata di lavoro: la Raspa, la Castellana, il Pirulì, la Gajinella, la Quadriglia e Tarantelle tutte legate alla cultura contadina. Queste venivano eseguite in gruppo nelle aie o nei cortili delle case coloniche all’inizio o alla fine di ogni lavoro importante come la mietitura, la trebbiatura, la raccolta del granturco e la vendemmia. Gli alunni balleranno queste danze nella giocosa recita finale di fine anno.

progetto scuola tradizione Marche saltarello


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X