facebook twitter rss

AFC Fermo, tutti insieme
per “Il Mondo dei Colori”

SOLIDARIETA' - La società fermana protagonista di un progetto volto a mixare sociale e sport. Il primo appuntamento, andato in scena domenica scorsa, è stato un successo di partecipazione
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – Con “La Giornata dei Colori” che si è svolta domenica 11 dicembre 2016 nella rinnovata cornice del Firmum Village si è avviato il progetto “Il Mondo dei Colori” promosso dall’AFC Fermo in collaborazione con l’Associazione Mondo Minore Onlus, la Fondazione Sagrini Onlus e i genitori affidatari di un ragazzo.

Il progetto nasce dal presupposto che percorsi di integrazione con bambini e ragazzi svantaggiati (sia per particolari condizioni socio familiari, per colore della pelle che per provenienza geografica) si realizzano quotidianamente attraverso il gioco, all’interno di un adeguato contesto di regole, senza tenere contodelle dinamiche che li caratterizzano al di fuori del campo di gioco.

L’iniziativa intende valorizzare i comportamenti positivi in questa
direzione dei ragazzi e la valorizzazione riguarderà sia i ragazzi
stessi che gli adulti di riferimento nella consapevolezza che lo sport
rappresenta un veicolo utilissimo per favorire l’integrazione, ancor di
più in un ambito di gioco di squadra come è il calcio.

Nello specifico nella giornata dell’11 dicembre a far da protagonisti
ci sono stati i ragazzi in campo, impegnati in una serie di giochi di
abilità e nelle immancabili partite finali , il tutto caratterizzato
dall’allegria palpabile dei ragazzi di correre dietro ad un pallone sul
nuovo manto verde del Firmum Village.

Contemporaneamente è stata proposta ai genitori presenti la
partecipazione ad una tavola rotonda all’interno del campo coperto di
calcio a 5, in cui gli operatori del settore partner del progetto hanno
affrontato il tema dell’integrazione dal punto di vista dei ragazzi da
loro accompagnati nell’attività sportiva. Tra le tante testimonianze
riportate molto significativa è stata quella di evidenziare l’importanza
che ha per i ragazzi svantaggiati la partecipazione ad un’ attività
sportiva , in un contesto in cui non vengono etichettati in nessun modo
ma sono semplici ”giocatori’ al pari di tutti gli alti .
Al termine della tavola rotonda poi i genitori sono “scesi in campo”
per osservare dal vivo la “la qualità” dell’integrazione ,osservando il
comportamento positivo dei propri figli nel momento in cui giocavano con i loro coetanei in maniera libera e spensierata.

Il progetto proseguirà nei mesi prossimi con la realizzazione di
laboratori didattici per piccoli gruppi di bambini e/o ragazzi
attraverso i quali affrontare il discorso integrazione. I laboratori
saranno essenzialmente sul disegno che è uno dei mezzi con cui i ragazzi
rappresentano più facilmente il loro pensiero sull’argomento. I migliori
lavori saranno poi giudicati in una giornata finale prevista a primavera
2017 con la definizione di un concorso a premi per la realizzazione di
un murales per il disegno più significativo.

Con questo significativo progetto la Afc Fermo intende fare del calcio
una scuola di vita prima che una semplice attività motoria . In un
periodo così delicato dal punto di visto politico sociale c’è bisogno di
società come questa, pronte ad affrontare temi così importanti con
allegria e spensieratezza , utilizzando il calcio come strumento di
aggregazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti