facebook twitter rss

Azzeramento rette per gli asili nido, interrogazione della Marcozzi

SOCIALE - Il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale:"La Regione si attivi per sostenere i nuclei familiari più in difficoltà riducendo, fino al loro azzeramento, le rette degli asili nido"
Print Friendly, PDF & Email

“La crisi economica continua inesorabilmente a pesare sulle famiglie marchigiane, in particolar modo su quelle con maggiori difficoltà economiche. La drammatica situazione socio-economica, però, non può incidere sui processi di socializzazione dei bambini. E in questa dinamica ha un ruolo fondamentale il Nido d’Infanzia”. Inizia così l’intervento della capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Jessica Marcozzi in materia di aiuti a sostegno delle famiglie in difficoltà.

“Se da una parte, dunque, i bambini hanno bisogno di questa struttura per il loro miglior processo di crescita e socializzazione – scrive la Marcozzi –  dall’altra la loro permanenza nei Nidi pesa sempre più sulle tasche dei genitori, soprattutto di coloro che si trovano, per i motivi più disparati, in uno stato d’indigenza. Per questo motivo ho ritenuto doveroso farmi carico in Consiglio regionale della proposta della Coordinatrice regionale Forza Italia Club Marche, Claudia Regoli con cui si chiede che la Regione arrivi a farsi carico delle spese per le rette, per i Nidi d’Infanzia pubblici o privati convenzionati, dei bambini dai 3 mesi ai 36 mesi di età con genitori disoccupati o occupati con un reddito Isee fino a 20 mila euro all’anno e residenti nelle Marche da almeno 5 anni. La Regione oggi contribuisce alle rette con riduzioni che si vanno a sommare alle contribuzioni dei diversi Comuni che, però, spesso hanno bilanci in difficoltà. Per azzerare le rette per le famiglie in questione, la Regione potrebbe attingere agli stanziamenti per gli interventi in favore delle famiglie e per lo sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia secondo i livelli essenziali delle relative prestazioni”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti