facebook twitter rss

Vittoria in extremis
della Nuova Sangiorgese
nella tana dell’Aurora Treia

PROMOZIONE - Gabaldi guida i rivieraschi al successo con un gol e un assist. Grazie ai tre punti i nerazzurri riprendono in classifica proprio i maceratesi e si rilanciano
Print Friendly, PDF & Email

Massimiliano Gabaldi, attaccante della Nuova Sangiorgese

TREIA (MC) – I rivieraschi spezzano l’incantesimo dei pareggi mettendo in campo un’ottima prova sul campo dell’Aurora Treia. A meno due dai playoff, la Nuova Sangiorgese potrà godersi le feste e ricaricare le energie per la seconda parte di stagione che vorrà vivere al massimo, senza precludersi alcun obiettivo. Al vantaggio sangiorgese di Gabaldi, risponde a 15′ dal termine Chornopyschuk, ma gli uomini di Pennacchietti non si scompongono e tornano in vantaggio a tre dal termine con Mauro, su assist del solito Massimiliano Gabaldi.

A ripercorrere le dinamiche della sfida è proprio l’attaccante della Sangiorgese, giunta al giro di boa. ” Ci aspettavamo di fare qualcosina in più in questa prima parte di stagione, ma abbiamo pagato lo scotto del cambio di categoria; però nel girone di ritorno con l’acquisto di Santagata e Marcoaldi potremmo sicuramente dire la nostra anche nelle posizioni di vertice. Ad oggi per me la Sangio è un pezzo fondamentale della mia vita, – continua il capitano nerazzurro – ho un bel gruppo di amici oltre che compagni e quando la squadra gira anche io vado forte”.

Riguardo ai due nuovi acquisti, continua: ” Santagata è tanto che non gioca per un infortunio e quindi deve continuare ad allenarsi con intensità proprio per come sta facendo. Marcoaldi invece è un ottimo giocatore, nonché un gran bell’acquisto che ci darà una mano, soprattutto con la sua esperienza e umiltà”. Un Gabaldi in grande forma che già è arrivato a quattro reti nel suo bottino personale e che ora sarà aiutato nel reparto offensivo dal neo arrivato Juan Sebastian Marcoaldi.

Anche l’ex giocatore del San Marco Servigliano, spinto ad approdare alla Nuova Sangiorgese per la storia della squadra e per la voglia e l’ambizione del presidente e dei tifosi, si è detto soddisfatto del gruppo e del mister Pennacchietti. “I ragazzi mi hanno fatto sentire subito uno di loro. Ne conoscevo molti e quelli che non conoscevo mi hanno sorpreso in positivo per la bravura sia come calciatori, che per la professionalità in campo e fuori. Il mister è una persona umile e che sa trasmettere i valori giusti che in questo sport sono fondamentali per creare un gruppo in grado di dare sempre il massimo”.

Leonardo Nevischi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti