facebook twitter rss

Rapagnano, primato e
voglia di stupire

SECONDA CATEGORIA - Ad una giornata dal giro di boa, i ragazzi di mister Sansolini viaggiano, come hanno quasi sempre fatto fin qui, in vetta alla classifica. Ora sono pronti a tutto per trasformare la favola in realtà
Print Friendly, PDF & Email

Rapagnano, stagione 2016/17

RAPAGNANO – Nove squadre nei primi cinque punti della classifica, con ben quattro formazioni a dividersi la vetta, fra queste, il Casette d’Ete e il Rapagnano. Proprio quest’ultimi, guidati in panchina da Stefano Sansolini, si stanno ritagliando il ruolo di vera e propria rivelazione del campionato di Seconda Categoria, nel girone più affascinante della regione, quello E.

Mister Sansolini, in estate pochi avrebbero puntato sul Rapagnano in vetta, cosa ne pensa di questo cammino?

“Fin dalla preparazione abbiamo lavorato bene con i ragazzi, sapevo che se fossimo riusciti ad acquisire una mentalità vincente, avremmo potuto toglierci delle belle soddisfazioni e sembra che ci siamo riusciti. Per ora ce la siamo giocata sempre con tutti e continueremo a farlo. Il campionato è molto equilibrato, dobbiamo essere bravi a non perdere il ritmo, ma sono fiducioso, penso che se continueremo ad avere la giusta mentalità possiamo chiudere fra le prime cinque del girone”.

Come affronterete la temuta pausa natalizia, che per ora ha portato in dote due nuovi acquisti?

“La pausa non mi spaventa, ci stiamo allenando spesso in questi giorni, poi ci concederemo qualche giorno di riposo come è giusto che sia e ci daremo appuntamento ad anno nuovo, per preparare la gara contro il Real Porto. Anche quella sarà una partita difficile, loro sono una squadra compatta, grintosa, che hanno un arma in più nel proprio terreno di gioco, dove è sempre difficile andare a giocare. Noi nel frattempo ci siamo mossi sul mercato: sono arrivati Alessandro Brini, ex Elpidiense Cascinare e Generoso Montedoro, ex Palmense, e proveremo a portare a casa un ultimo tassello per rinforzare una rosa già competitiva e continuare a stupire”.

Matteo Achilli

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti