facebook twitter rss

Alla Nuova Banca Marche
servono certezze e stabilità

MARCHE - Documento congiunto da parte di Regione, Cgil, Cisl, UIL, Confindustria, CGIA, CNA e Confcommercio dopo un incontro ad Ancona sullo stato dell'istituto di credito
Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina ad Ancona il presidente della Regione Luca Ceriscioli ha incontrato le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, UIL, le associazioni di categoria Confindustria, CGIA, CNA e Confcommercio in merito al tema della Nuova Banca Marche, anche visti gli ultimi sviluppi.

Tutti hanno espresso preoccupazione, soprattutto evidenziata l’assenza di tavoli di informazione e confronto con le istituzioni locali e le associazioni economiche e d’impresa, le associazioni sociali del territorio; assenza che non permette di valutare i potenziali effetti della cessione sull’economia reale, così come le ricadute sull’occupazione diretta e indiretta.

“Il territorio delle Marche nonostante la crisi economica e produttiva – si legge nella nota congiunta – costituisce una importante opportunità per qualsiasi soggetto creditizio e finanziario, a cominciare dalle potenzialità della raccolta. Inoltre avere una banca ancorata alle esigenze del territorio è un’opportunità per la regione stessa. La Nuova Banca delle Marche, risanata e ripatrimonializzata, ha tutte le condizioni per diventare una importante infrastruttura creditizia del territorio ed un volano per l’economia. Occorrono, però, certezza e stabilità sia negli assetti proprietari che in quelli societari. Nella cessione di Nuova Banca Marche porte aperte a chi dimostri di avere un piano di impresa e un progetto industriale mirati a sostenere le piccole e medie imprese, la miriade di operatori economici, le famiglie. Ciò è tanto più ineludibile in questo periodo, in cui le Marche devono misurarsi con le gravi conseguenze dei recenti eventi sismici che hanno colpito molti comuni e con la sfida di ricostruire prospettive per un nuovo sviluppo socio-economico.

L’acquisizione a “prezzo scontato” della Nuova Banca Marche di cui si legge quotidianamente sulla stampa e le condizioni dirimenti che vengono poste, potrebbero suscitare il dubbio che la possibilità di occupare quote di mercato a basso costo prevalga sul progetto per il territorio, avvalendosi, inoltre, di crediti di imposta e altre facilitazioni fiscali.

La Nuova Banca ha indubbiamente bisogno di importanti processi di ristrutturazione e riorganizzazione per il suo rilancio e consolidamento, in una logica di continuità della compagine aziendale e di focalizzazione all’economia del territorio.

Ma ciò richiede un piano di impresa e un confronto che coinvolga istituzioni locali, associazioni d’impresa, organizzazioni sociali del territorio, anche per fugare il dubbio che l’acquisizione di Nuova Banca Marche preluda ad un suo drastico ridimensionamento, una volta che l’acquirente avrà occupato le relative quote di mercato e di prodotto.

Per questo ribadiamo l’urgenza di un coinvolgimento di tutti gli attori da parte della proprietà e del presidente; è necessario che i potenziali acquirenti mettano al centro impegni per l’economia reale e l’occupazione, diretta e indiretta, attraverso un piano industriale sostenibile e proiettato al rilancio”.

Inoltre, Regione e parti sociali hanno concordato di costituire una cabina di regia per monitorare il sistema del credito regionale, nell’ottica di promuovere prospettive di sviluppo ed occupazione del territorio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti