facebook twitter rss

Tradizionale concerto per il nuovo anno del corpo bandistico ‘Mauro Cecchini’ di Monte San Pietrangeli

CAPODARCO - Si tratta di una delle realtà più antiche e apprezzate delle Marche e non solo. Un concerto, quello in programma alla chiesa di Santa Maria, da non perdere
Print Friendly, PDF & Email

La chiesa di Santa Maria di Capodarco ospiterà l’undicesimo concerto per il nuovo anno del Corpo Bandistico “Mauro Cecchini” di Monte San Pietrangeli diretto dal Maestro Paolo Bisconti. Appuntamento sabato 7 gennaio alle ore 18.

Il Corpo Bandistico “Mauro Cecchini” di Monte San Pietrangeli è uno dei più antichi del territorio e non solo. Costituitosi nel lontano 1872, dapprima col semplice nome di banda musicale cittadina, iniziò la sua attività nel 1873. Ma una delibera del 1600-1603, rilevata dall’archivio comunale, attestante una sua prima forma rudimentale, vuole già che: “…nel visitarvi da questo Popolo la S.Casa si conduca la Musica…”; quindi, si presume che già a quell’epoca, nei pellegrinaggi dei cittadini monsampietrini verso Loreto, la musica occupava un suo ruolo fungendo da cornice. Il numero dei componenti dell’originale complesso, posto alla direzione del M° Domenico Morroto (si conserva di lui un manoscritto recante il titolo “Potpourry nell’opera Gioconda” , fatto risalire alla fine dell’800) era esiguo: solo 25 elementi di cui la sezione sassofoni addirittura mancante. Fu prepo sto unicamente ai servizi liturgici, ma l’impegno veramente encomiabile e la musica costituivano un punto di riferimento e soprattutto un momento di distrazione dalla vita quotidiana fatta di duro lavoro e di sacrificio.
Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale fece cessare l’attività della banda musicale. Al termine del conflitto i musicanti, nel 1924, si ritrovarono di nuovo sotto la guida del M° Giovanno D’Annessa (di lui è rima sta soltanto una marcia sinfonica dal titolo “A Santa Cecilia”) a cui nel 1928 successe il M° Michele Casagrande (si conserva di que
st ’ultimo un manoscritto recante il titolo “Un ballo in maschera”); seguì poi il M° Rinaldo Guadagnali (professore di corno e componente dell’orchestra del teatro di Lucca, autore della marcia sinfonica “Chellinz” attualmente
introvabile) e nel 1935 il M° Luigi Bianchi fino a che nel 1944 si assistette ad un secondo periodo di stasi.
La ripresa dell’attività musicale porta la data del 5 maggio 1947 grazie al M° Eugenio Blonk-Steiner (il nonno Umberto fu 1° clarinetto al Teatro alla Scala sotto la guida di Arturo Toscanini) che rimase fino al 1951 alla guida della banda; nell’anno successivo subentrò il M° Alfredo Aquilante (c’è rimasta solo qualche copiatura di parte
staccata). Durante gli anni ’50 la “vecchia banda” fu sempre presente a molte feste patriottiche e patronali
(3 febbraio festa del patrono S.Biagio, processione del Venerdì Santo, 1 Novembre, 4 Novembre, tradizioni tuttora mantenute dall’attuale banda) scandendo con la musica i lenti passi della vita sociale di Monte San Pietrangeli.
Nella seconda metà degli anni ’60 la direzione fu aff idata al M° Pietro Corradetti (molte sono state le trascrizioni, adattamenti e composizioni per banda di questo maestro delle quali vanno ricordate due marce sinfoniche dal titolo “Festoso risveglio” e “Monte San Pietrangeli in festa”, quest ’ultima composta appositamente per il 110° Anniversario della banda locale) ed in memoria di Mauro Cecchini, giovane suonatore di clarinetto del luogo, il complesso bandi
stico si trasformò in Corpo Bandistico “Mauro Cecchini” di Monte San Pietrangeli.

Dopo una parentesi avutasi dal 1967 al 1969 col M° Carlo Otello Riccobelli, l’attività musicale con il maestro Corradetti è stata fervida e prolifera. Nel 1983 il Corpo Bandistico ha celebrato il 110° Anniversario della sua Istituzione con una grande manifestazione.
Per tale occasione furono invitati al concerto il trombettista americano David Short (allora 1° tromba solista dell’orchestra della Rai di Roma) ed il trombonista Renzo Broccoli (1° trombone solista della stessa orchestra); que
st ’ultimo eseguì in qualità di solista con la banda di Monte San Pietrangeli l’originale concerto per trombone ed orchestra di fiati del compositore russo Nicolaj Rimskij-Korsakov. Sempre nello stesso anno il Corpo Bandi
stico ha partecipato ad un concorso indetto dall’A.N.B.I.M.A. Marche a San Benedetto del Tronto (AP).
Dopo una breve parentesi avuta nel 1987 con il M° Piergiuseppe Quadrini (è stato 1° clarinetto
all’Arena di Verona), attualmente il Corpo Bandistico di Monte San Pietrangeli è sotto la guida del M° Paolo Bisconti. È composto da 55 elementi locali provenienti dal corso di orientamento
bandistico. Partecipa alle principali manifestazioni civili, religiose e folkloristiche locali, della Regione e all’estero, e si esibisce in raduni, concerti e rassegne bandistiche. Nel 2001 è presente al Concorso Nazionale “Città di Scandicci” ricevendo il premio per la banda più numerosa. Ha collaborato con il coro “Crux Fidelis” di Francavilla d’Ete (AP), con il coro “Santa Cecilia” di Monte San Giusto (MC), con la soprano fermana Rosita Ramini, con il piani
st a Michele Ciopettini e la fisarmonicista Romina Ferracuti, quest ’ultimi entrambi monsampietrini. Nel 2009 si è esibito di fronte a Papa Benedetto XVI in Piazza San Pietro. Dato il cambiamento del concetto di “banda”
all’interno del panorama musicale, l’attuale complesso strumentale propone un repertorio originale moderno per banda senza tralasciare quello classico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti