facebook twitter rss

Tosoni e De Bernardin, la strana coppia in bilico tra realtà e fantasia

PEDASO - Spettacolo in scena domenica 26 marzo dalle ore 17.15 al Cineteatro Valdaso
sabato 25 marzo 2017 - Ore 14:51
Print Friendly, PDF & Email

Dalla conoscenza, dalla visione e dalla lettura dell’arcinota commedia di Neil Simon e dalla realizzazione della sua disarmante contiguità con la vita a due, nell’amicizia come nel lavoro, nasce “La coppia strana”, un progetto nella mente sempre in movimento di due amici e colleghi (Stefano Tosono e Stefano De Bernardin) che passano la maggior parte del tempo insieme a condividere gioie e dolori, della vita come della propria professione.

Uno spettacolo che andrà in scena al Cineteatro Valdaso di Pedaso domani, domenica 26 marzo a partire dalle ore 17.15 (ingresso 6 euro – tel. 0734.931319).

“Io e Stefano – racconta Tosoni – destino dei nomi non una scissione della personalità, ci siamo trovati a desiderare di raccontare, da attori, quello che noi siamo fuori e dentro la scena. Storia di due vite, di due persone diverse ma simili nelle loro idiosincrasie e nelle loro difficoltà, storia di una vita di coppia nel suo significato più semplice di condivisione e sopportazione. Insomma, ci piaceva metterci a confronto sulla scena, perché questo è il luogo che più ci si confà, e dove passiamo la maggior parte della nostra vita. Un divertimento, implementato dal fatto che nel corso di ogni serata, tanto per testare la nostra memoria e la nostra egocentrica follia, invertiamo le parti dei due protagonisti. Un gioco serio quale solo il teatro può essere. Da qui l’idea di interpretare anche tutti gli altri personaggi della storia attraverso l’ausilio della multimedialità, rendendoli figure virtuali della propria fantasia, incombenti sulla scena, testimoni e controllori della vita e delle azioni dei due protagonisti.

Inoltre, come fautori dell’intera operazione e considerando la congiuntura economica negativa del momento, ci siamo resi conto che “noi due eravamo gli unici attori che potevamo non pagare, senza essere insultati”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X