facebook twitter rss

Musei gratis di Ancona per gli Erasmus d’Italia

venerdì 7 aprile 2017 - Ore 13:19
Print Friendly, PDF & Email


Musei gratis per tutti gli Erasmus d’Italia e le loro famiglie a Pasqua. “Erasmus Easter” è un evento promosso dall’Università Politecnica delle Marche, il Comune di Ancona e l’ESAN (Erasmus Students Ancona) per tutti gli studenti Erasmus stranieri che rimangono nelle città d’Italia per le festività pasquali. Un’occasione per gli studenti, e per i familiari che saranno con loro, per conoscere meglio Ancona tra bellezza, cultura e gusto. Si potranno infatti visitare gratis la Pinacoteca, le mostre alla Mole Vanvitelliana “Ecce Homo” e “Icons di Steve McCurry” e il Museo della Città in piazza del Plebiscito.

Scoprire gli scorci più belli della città capoluogo dove i musei ospitano le loro opere e magari approfittare della Pasqua anche per assaggiare i piatti della tradizione marchigiana. “Erasmus Easter” è anche un’opportunità per rilanciare, a livello nazionale, la città di Ancona e alcuni dei suoi luoghi più affascinanti. Il viaggio proposto agli Erasmus d’Italia, infatti, comprende il centro storico con il Museo della città in piazza del Plebiscito e la Pinacoteca Podesti in via Pizzecolli fino ad arrivare al porto, alla Mole Vanvitelliana. L’evento è legato al 30esimo anniversario del programma Erasmus.

L’ingresso ai musei sarà possibile dal 9 al 16 aprile, mostrando la tessera Erasmus che i ragazzi posseggono grazie all’iscrizione ad “ESN Italia” una rete di associazioni universitarie senza scopo di lucro che offrono a titolo volontario i propri servizi agli studenti stranieri ospiti presso le università italiane.

Gli Erasmus potranno così fare un viaggio tra reperti archeologici, riproduzioni grafiche e fotografiche di edifici, luoghi, personaggi di Ancona nel Museo della città. Alla Mole Vanvitelliana avranno inoltre l’occasione di visitare due mostre internazionali. “Ecce Homo” offre un itinerario all’interno dell’ampio scenario della scultura italiana, proponendo alcuni dei protagonisti salienti che ne hanno caratterizzato lo sviluppo, con particolare riferimento all’indagine sull’uomo, più che sulla figurazione. Un viaggio fra differenti stili, materiali e visioni che chiedono al visitatore di concentrarsi non tanto sul singolo autore o sulla situazione culturale ma di cogliere il senso dell’essere umano nel tempo presente. “Icons di Steve McCurry” inoltre raccoglie, in circa 130 scatti, forse il meglio della vasta produzione del fotografico internazionale, per proporre ai visitatori un viaggio simbolico nel complesso universo di esperienze e emozioni che contraddistinguono le sue opere. Tra le fotografie in mostra anche il famosissimo ritratto di Sharbat Gula, la ragazza che ha incontrato nel campo profughi di Peshawar in Pakistan e che è diventata una icona assoluta della fotografia mondiale. La collezione della Pinacoteca, una delle più importanti delle Marche, ripercorre la storia artistica della regione dal Medioevo ad oggi, vantando capolavori come la stupenda “Pala Gozzi” di Tiziano Vecellio, la “Madonna con Bambino” di Carlo Crivelli, la “Sacra Conversazione”, detta anche “Pala dell’Alabarda”, di Lorenzo Lotto e molti altri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X