facebook twitter rss

Paura in tabaccheria:
rapinatori spintonano un cliente e scappano con il registratore di cassa

mercoledì 12 aprile 2017 - Ore 10:55
Print Friendly, PDF & Email

 

AGGIORNAMENTO DELLE 12.50 – Rinvenuta dagli agenti del commissariato di Fermo l’auto usata per la rapina. Si tratta di un Fiat 500 vecchio modello grigia, rubata una settimana fa a Porto San Giorgio. Il mezzo, danneggiato nella parte posteriore, è stato trovato a Lido Tre Archi in un parcheggio di una palazzina. 

di Paolo Paoletti

La tabaccheria di Viale di Casabianca, sulla costa fermana,  finisce nel mirino dei rapinatori. Poco prima, a meno di cento metri di distanza, era stata sfondata con un’auto la vetrina di un locale che ospitava un’agenzia scommesse. Fatti che, secondo quella che al momento è solo un’ipotesi,  potrebbero essere collegati agli stessi autori. Si tratterebbe di due uomini che, secondo alcuni testimoni, avrebbero dormito nell’auto,  una Fiat 500 rubata nei giorni scorsi, all’interno del parcheggio di fronte al Sexy Shop prima di mettere a segno il colpo.  Sulle loro tracce si trovano ora gli agenti del Commissariato di Fermo. Proprio l’intervento tempestivo della Polizia infatti ha fatto scattare la caccia ai rapinatori su tutto il territorio.

Erano  le 9 di questa mattina. Il titolare della tabaccheria di Viale di Casabianca si trovava insieme ad un cliente sull’uscio dell’esercizio commerciale. Negozio che aveva aperto da poco. Un’auto grigia di piccole dimensioni si è avvicinata. Secondo il racconto dei testimoni aveva la parte posteriore semi distrutta, priva di targa e paraurti. E’ sceso un uomo con il volto coperto fin sotto il naso e si è fiondato verso l’ingresso della tabaccheria. Rapinatore che dirigendosi verso il retro del bancone ha spintonato il cliente (un 50nne della zona) con una gomitata facendolo cadere a terra. Poi ha letteralmente ‘sdradicato’ il registratore di cassa facendo cadere a terra tutti gli oggetti presenti sul banco e si è dato alla fuga salendo in macchina dove un altro complice lo aspettava. Un bottino circa 300 euro, ovvero il fondo cassa di apertura. Immediatamente sono scattate le ricerche della polizia che sta passando al setaccio il territorio. Sul posto sono intervenuti anche gli agenti della scientifica che hanno preso le impronte e visionato le immagini della video sorveglianza.

Nel frattempo, a pochi metri di distanza, è arrivata la segnalazione del tentativo di sfondamento della vetrina di un’ex agenzia scommesse in Via Machiavelli, di fronte all’Hotel Royal.  Ingresso del negozio che è stato semi distrutto. Un danno da oltre 3 mila euro. I residenti hanno raccontato di aver avvertito due forti colpi quando erano circa le 5 di questa mattina.  La vetrina era realizzata in vetro anti sfondamento e sarebbe stata colpita utilizzando il retro di un’auto come ariete, tant’è che i pezzi dei fanali distrutti sono ancora visibili a terra. Restano da capire i motivi, visto che l’interno del locale era praticamente vuoto (tutto il materiale di valore era stato portato via) e  vi erano solo dei sacchi con la spazzatura.

Due episodi verificatisi a breve  distanza che potrebbero essere collegati. E’ ora compito della polizia verificare eventuali collegamenti e ricostruire l’eventuale connessione. Gli inquirenti non escludono che i malviventi possano essere gli stessi che questa mattina hanno messo a segno un furto anche a Casette d’Ete (leggi l’articolo). D’altronde anche in quel caso si sono mossi con una Fiat 500 rubata, forse la stessa auto.

 

Furto al bar dell’Agip di Casette d’Ete


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..



1 commento

  1. 1
    Giuliana Cisbani via Facebook il 12 aprile 2017 alle 12:54

    Neanche i bar…

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X