facebook twitter rss

“Consiglieri latitanti o pronti solo ad alzare la mano a comando”: il Consiglio comunale visto dai Cinque Stelle

ELEZIONI - Giacomo FIleni, candidato sindaco, insieme a Francesco Balbi ed Antonella Capriotti fa il punto sull'ultima assise comunale
mercoledì 7 giugno 2017 - Ore 16:27
Print Friendly, PDF & Email

In piedi Giacomo Fileni

Nuovo intervento del Movimento Cinque Stelle di Porto San Giorgio, presente all’ultimo Consiglio comunale con il suo candidato Giacomo Fileni, affiancato da Francesco Balbi ed Antonella Capriotti.

“In città non si parla d’altro che di Salvini in visita a Porto San Giorgio. E’ desolante. Noi preferiamo parlare di qualcos’altro ben più importante e grave per la città.

Lunedì sera alle ore 20 si è riunito l’ultimo consiglio comunale dall’amministrazione Loira. Sette i punti discussione di non poca importanza tra l’altro. Vediamo chi erano gli assenti e cosa hanno fatto o detto i presenti. Il consigliere Marinangeli, che si candida a sindaco, non c’era: assente. E’ consigliere di Forza italia, ma si candida contro Forza Italia, perché ha sostituito un ‘assenteista cronico in consiglio: Vitali Rosati. Non c’era il consigliere Mandolesi, l’assente per antonomasia, a essere buoni il 5% delle presenze in 5 anni. Non c’era il consigliere Salvatelli, anche lui sparito dai radar in Consiglio comunale e che fa della sua altissima percentuale di assenze il biglietto da visita per la nuova candidatura a consigliere. Non c’era Agostini o meglio è arrivato in tempo per discutere e votare l’ultimo punto all’ordine del giorno su cui si è astenuto. C’era il consigliere Del Vecchio che ha voluto riassestare il suo assenteismo nei 5 anni con la presenza di ieri. E c’era il consigliere Bragagnolo presente ieri e in molti dei consigli passati.

Poi tra la maggioranza c’erano quasi tutti, mancava la consigliera Capeci. Però i consiglieri di maggioranza, quasi tutti ricandidati, si sono limitati a alzare la mano a comando per votare a favore ogni punto all’ordine del giorno. Nessuno intervento, il nulla. Nessun dibattito.

Eppure le cose discusse erano diverse ed alcune parecchio importanti. Si è dovuto approvare il bilancio consuntivo con un debito fuori bilancio di 4000 euro, a 6 giorni dalle elezioni; stiamo raschiando il fondo, e siamo solo a giugno. Sul bilancio hanno relazionato, l’assessore Bisonni, quello al turismo Ciabattoni e lo stesso sindaco Loira che in meno di 5 minuti ha snocciolato frettolosamente cifre per milioni di euro e ha chiesto alla maggioranza di approvarlo. Le mani si sono alzate come palette. Prima dell’ultimo punto, trafelato, è giunto in Consiglio comunale l’assessore Talamonti che ha relazionato il suo punto con 5 modifiche di delibere relative al piano casa. Come si dice: un gol al 90° minuto. Ha concluso il presidente del Consiglio augurandosi testuali parole. “Mi auguro di ritrovarci tutti qua”.

Tutto, sette punti tra cui bilancio e piano casa per diverse zone della città, approvati in un’ora e 5 minuti. Eccolo il Consiglio comunale che si candida e pretende di governare il paese per altri 5 anni. Porto San Giorgio invece ha bisogno di nuova linfa e per linfa nuova ci vogliono nuove piante. A proposito, tra i cittadini ad ascoltare questo consiglio, con più di 300 candidati, 3 candidati 5 Stelle”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X