facebook twitter rss

La Fermana cala il poker:
riconferma anche per D’Angelo,
Paolini saluta

FERMO - Un approccio deciso e convincente quello della seconda punta di Lanciano sotto il Girfalco: arrivato durante il mercato invernale dopo qualche mese difficile a Recanati
mercoledì 14 giugno 2017 - Ore 17:24
Print Friendly, PDF & Email

La Fermana cala il poker.  Il quarto riconfermato tra i “Samurai che fecero l’impresa” di Mister Destro è Massimo D’Angelo. Un approccio deciso e convincente quello della seconda punta di Lanciano sotto il Girfalco: arrivato durante il mercato invernale dopo qualche mese difficile a Recanati, il brillante esterno si era subito ambientato a meraviglia, mettendo in mostra le sue doti con tanta classe e una forte motivazione.
“La vittoria del campionato è stata qualcosa di fantastico. Ringrazio tantissimo la Società e il DG Conti per aver creduto in me e avermi dato la possibilità di vivere una gioia così grande – esordisce il classe 1990 dopo la firma che lo vedrà in gialloblu anche per i prossimi mesi – ero reduce da un anno di inattività dopo l’infortunio al ginocchio e in tutte le mie precedenti esperienze non ero mai riuscito a centrare il salto di categoria, piazzandomi sempre secondo. A dicembre, in pochi giorni, sono passato dalla lotta salvezza con i leopardiani a lottare per le posizioni di vertice con i canarini. Non potrei non essere riconoscente per la fiducia che mi è stata data”.
“Insieme ai compagni e ad un Mister esigente e serio come Destro, partita dopo partita, abbiamo acquistato consapevolezza nei nostri mezzi. Vincere aiuta a vincere e anche l’autostima è andata crescendo – ha proseguito D’Angelo, 29 presenze e 3 centri il suo score finale della scorsa stagione – mi sono subito trovato benissimo. Tutti insieme abbiamo saputo soffrire e sacrificarci quando ce n’era bisogno in vista di un obiettivo tanto grande che abbiamo centrato. Il segreto è stato remare tutti dalla stessa parte”.
Adesso sarà Terza Serie.
“Da ragazzo, nella mia esperienza in C2 con il Giulianova, affrontammo tutta un’altra categoria rispetto a quella che ci aspetterà tra pochi mesi – ha proseguito la funambolica ala – io totalizzai 2 marcature in 14 presenze, ma avevo davanti giocatori molto più esperti e non c’era lo spettro retrocessione. Solo una squadra sarebbe scesa direttamente visto che il campionato si sarebbe scisso in Prima e Seconda Divisione. Lo considero comunque un anno importante per la mia crescita. La Serie C che andremo ad affrontare sarà una sfida stimolante. Un campionato sicuramente difficile: ci sono tante squadre che sono vere e proprie corazzate, con blasoni ed elementi di caratura superiore, e tante altre che cercano di ben figurare giocandosi le proprie carte e tirando fuori orgoglio e qualità”.
“Tra queste vedo la Fermana – ha concluso D’Angelo, spiegando la propria scelta – che a mio parere, lavorando con la stessa serietà e determinazione di quest’anno, ha la possibilità di dire la sua anche nella serie superiore. Di certo i gironi sono tutti tosti: probabilmente si finirà nel raggruppamento B dell’Italia centrale. Sono comunque molto fiducioso dell’operato del DG e della Società e sono convinto che Mister Destro anche in questo caso saprà spronare tutti dentro e fuori dal campo a tirare fuori il meglio. Personalmente, non vedo l’ora di affrontare questa nuova avventura: consapevole di dare sempre il massimo, con umiltà ed impegno”.

 

IL SALUTO DI PIERLUIGI PAOLINI: EX RESPONSABILE DEL SETTORE GIOVANILE GIALLOBLU’

Dopo quattro anni termina l’esperienza di Pierluigi Paolini a capo del Settore Giovanile gialloblù.
Improrogabili impegni lavorativi e familiari rendono difficile al coordinatore della “cantera” canarina conciliare le maggiori responsabilità e gli oneri comportati dal salto di categoria e dall’approdo nel professionismo.
“E’ stata una bellissima avventura. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno condiviso con me questo straordinario percorso di crescita e formazione. In primis il Patron Vecchiola, e via a seguire tutta la Società, guidata dai vari Presidenti e Soci che si sono susseguiti, diretta e ben gestita da Fabio Massimo Conti, per poi proseguire con tutto lo staff, i dirigenti, i collaboratori, gli allenatori (una menzione speciale a Fabio Scoponi, con noi sin dall’inizio), gli autisti e tutti coloro che ci hanno dato una mano a perseguire il bene dei nostri ragazzi. A loro soprattutto va fatto un grande applauso”.
All’arrivo dell’attuale dirigenza il Settore Giovanile canarino era in pratica da ricostruire totalmente, dopo anni di turbolenze e instabilità societarie. Una missione ampiamente raggiunta, con risultati importanti non solo in termini sportivi, ma soprattutto in termini di fiducia e serietà del progetto. Molto buono ed in sviluppo costante il lavoro globale proposto. Parole sincere di ringraziamento vengono spese da Paolini anche per la città di Fermo e i suoi tifosi:”Siamo stati accolti molto bene. E’ passato il messaggio di voler creare un Settore Giovanile espressione di un intero territorio e siamo stati ripagati con la stima e l’affetto di tante famiglie che hanno creduto in noi e che ci hanno scelto, permettendoci di ampliare il movimento. Sono molto soddisfatto di dove siamo arrivati ad oggi, visto soprattutto da dove siamo partiti. Ci sono ottimi margini di miglioramento e crescita ed auguro le migliori fortune a chi verrà”.
Cosa c’è nel suo futuro? “Prima di tutto rivolgo un sincero in bocca al lupo alla Società e a tutti i suoi componenti per l’entusiasmante sfida che il Professionismo rappresenterà nei prossimi mesi. A livello personale, resterò sempre tifoso di questi colori: in cantiere c’è un piccolo progetto ad essi legato”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X