facebook twitter rss

Mus-e porta arte e integrazione nelle scuole e lungo le strade del Veregra

MONTEGRANARO - Dopo le esperienze nelle scuole primarie, domenica la onlus porta i suoi laboratori all'interno del festival dell'arte di strada
venerdì 16 giugno 2017 - Ore 12:53
Print Friendly, PDF & Email

 

Crescere, a scuola, in un mondo di pace, bellezza e creatività. Questo è Mus-e, un progetto educativo incentrato sul valore dell’arte, che accompagna e forma migliaia di alunni in Italia e nel mondo. Nel territorio di Fermo sono circa 300 i bambini che ne usufruiscono in diverse scuole primarie dove maggiore è la presenza di alunni stranieri. Laboratori multidisciplinari in orario scolastico affidati ad esperti e con la fattiva collaborazione dei docenti sono gli strumenti utilizzati per liberare fantasia ed emozioni nei più piccoli. Quest’esperienza verrà ripetuta all’interno di Veregra Street, domenica 18 giugno, nell’ambito dell’area children, con dei laboratori affidati appunto ad artisti Mus-e.

“È la prima esperienza che facciamo con Veregra Street, e speriamo di apportare il nostro piccolo contributo a questa manifestazione che si è ritagliata uno spazio importante nel panorama nazionale e internazionale dei festival di teatro di strada. Aprire una finestra per i bambini in tali contesti è una scelta vincente, e siamo orgogliosi di poter far parte, quest’anno, del variegato mondo di Veregra Street con il nostro messaggio di tolleranza e creatività”. A parlare è Carlo Pagliacci, coordinatore locale di Mus-e del Fermano onlus, progetto che ruota intorno a temi attualissimi, riassumibili in tre parole: integrazione, arte, scuola.

“Il nostro obiettivo è portare l’arte, la capacità di stupirsi e d’innamorarsi della bellezza, al centro del nostro impegno nelle scuole, nella convinzione che la reciproca conoscenza e lo scambio tra culture e tradizioni diverse possa rappresentare un arricchimento per ognuno. Stiamo lavorando anche per creare un percorso che superi il mero orario scolastico coinvolgendo le famiglie di provenienza dei bambini, perché il confronto e i percorsi formativi che s’innescano a scuola possano proseguire anche dopo, all’interno delle mura domestiche. Per questo avvieremo, insieme all’Ambito Sociale XIX e al Comune di Fermo, dei nuovi laboratori extrascolastici, una sorta di botteghe creative per costruire ponti ideali tra culture diverse.”

Ma non finisce qui. È in programma infatti una serie di iniziative legate alla raccolta fondi per l’associazione presieduta dall’imprenditore Enrico Paniccià. A fine luglio si terrà l’ormai classica cena di beneficienza con un ospite musicale davvero singolare, e partirà una campagna di crowdfunding per finanziare laboratori artistici nelle scuole di alcuni comuni terremotati.

Per info: www.mus-e.it/fermo – 0734.223414


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X