fbpx
facebook twitter rss

“No alla politica dell’improvvisazione” Assocommercianti contro le scelte su turismo e commercio

FERMO - L'associazione guidata da Ennio Viozzi: " Chiediamo di rivedere, prima della via del non ritorno  la loro politica turistica-commerciale-amministrativa"
Print Friendly, PDF & Email

 

“Siamo molto preoccupati perché con le sagre e iniziative varie in Piazza credono di coprire la oramai evidente e continua desertificazione del centro storico”. Inizia così l’attacco di Assocommercianti, l’associazione di categoria guidata da Ennio Viozzi, alla gestione del turismo e commercio da parte dell’amministrazione comunale di Fermo.

“Parlano di un nuovo centro scolastico ma non dicono cosa faranno degli stabili che rimarranno vuoti in centro – si legge nella nota di Assocommercianti – parlano di una nuova sede dei vigili ma non è dato sapere cosa succederà in quei locali che rimarranno vuoti , una delle iniziative più importanti e storico di Fermo, il mercato settimanale , lo hanno ridotto a poca cosa ( con danni rilevanti per gli operatori, molti di loro cittadini fermani ). L’Assessore parla di accordi e futuri progetti con la Camera di Commercio di Fermo , quando questa, grazie anche al suo disinteressamento a breve chiuderà. Tutti , in ogni occasione chiedono da anni all’amministrazione di interessarsi e risolvere il problema dell’ex mercato coperto , nessuna risposta ufficiale, scena muta”.

Assocommercianti che aggiunge: “Siamo molto preoccupati perché approvano un bilancio comunale senza nessun confronto con i vari sindacati (commercianti, artigiani, industriali ) così da poter lasciare le varie tasse comunali invariate e eccessive pur avendo riscosso milioni di euro tra Solgas e Asite . Abbiamo assistito alla farsa riguardo la eventuale vendita della Casina delle Rose conferma che questi personaggi non hanno progettualità. Dopo quanto sopra denunciato chiediamo a questi personaggi di rivedere, prima della via del non ritorno  la loro politica turistica-commerciale-amministrativa che non può più essere fatta di improvvisazione con sperpero enorme di risorse pubbliche senza nessun ritorno positivo per la città e i cittadini salvo qualche decina di caffè per i bar della piazza”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X