fbpx
facebook twitter rss

“Basta odio, siamo tutti essere umani”:
Laura Strappa e l’insegnamento di Mario Dondero

FERMO - La compagna dello scomparso fotografo ribadisce la necessità di una cultura della condivisione e dell'apertura
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

È orgogliosa, Laura Strappa, che il progetto fotografico inserito nel cartellone della Giornata mondiale del Rifugiato sia arrivato a compimento. Un progetto di straordinaria valenza, anche per l’immenso lascito di scatti africani che Mario Dondero ha lasciato e che, ha spiegato la Strappa, “andava mostrato a tutti” (LEGGI ANCHE QUI).

Ma soprattutto è contenta per l’incastonarsi della mostra con la data del 5 luglio, segnata “da un evento molto tragico per la città di Fermo”.

Se c’è stata una persona che non ha mai manifestato l’odio è stato Mario – ha detto -. Lui era perennemente indignato ma nello stesso tempo non aveva mai un atteggiamento di odio anche nelle persone diverse da lui. Perché tutti gli esseri umani sono esseri umani, possono combattere ma non si devono annientare. E io condivido questa cosa, non sopporto e mi indigna il fatto che ora si tenti molto a soffiare sul fuoco della paura per alimentare l’odio. Questa è la negazione della nostra civiltà”.

Ringrazia il Comune di Fermo per aver sposato l’iniziativa ed aver avviato questo fondamentale processo di integrazione. “L’unico possibile: siamo tutti africani – rimarca -, questo sdegno razzista è veramente fuori luogo. E queste iniziative servono a diffondere una cultura della condivisione e dell’apertura. I movimenti di persone ci saranno comunque, sono il tratto distintivo della specie umana ed è importante che vengano affrontati con razionalità e non con violenza. Qui, in questa città, si fanno i progetti, non si seminano odio e intolleranza”.

 

Fermo città aperta: i migranti protagonisti della Giornata mondiale del Rifugiato

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X