facebook twitter rss

7 contrade per un palio, tra osterie, cortei storici e anelli da conquistare

MONTOTTONE – 7 contrade per la conquista di un drappo: sono quelle che si sfidano ogni anno nel Palio delle Grazie, disputato da una delle piazze del paese lungo il corso centrale
martedì 20 giugno 2017 - Ore 11:03
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Giacopetti

Magari non tutti lo sanno ma anche Montottone ha il suo palio. 7 contrade si sfidano ogni anno nel Palio delle Grazie che rientra nel calendario di festeggiamenti in onore della Madonna delle Grazie del 15 giugno: Eschìto con il cavallo, San Lorenzo con il drago, Monte Roso con lo scoiattolo, Pisciarello con la volpe, Trescio con il serpente, Forche di Tenna con il toro e San Pietro Martire con il granchio. Gli stemmi sono anche disegnati nelle formelle fatte in ceramica che segnano i numeri civici delle abitazioni. Montottone è infatti un paese noto per la lavorazione delle ceramiche.
Quest’anno il Palio delle Grazie si svolgerà domenica 25 giugno, e le 7 contrade, a partire dal 2013, organizzano una propria che propone un piatto caratteristico della tradizione contadina. Piatti poveri ma ricchi di gusto, come fagioli con le cotiche, cinghiale in salmì, porchetta, arrosticini, frittura mista, mezzemaniche alla marinara, vino. Distribuite lungo tutto corso Vittorio Emanuele che conduce a Piazza Leopardi, saranno attive dalle 19 e precederanno la disputa del palio prevista alle 21.30. Nel corso della cena saranno itineranti i giochi di contrada.
Alle 17 di domenica, inoltre, proprio dalla chiesa della Madonna delle Grazie, partirà la sfilata in costume rinascimentale lungo le vie del paese con decine di figuranti in abiti quattrocenteschi, tamburini e sbandieratori. Alle 18 a Santa Flavia si svolgerà la cerimonia di benedizione del palio e alle 19 l’estrazione dell’ordine di partenza delle contrade.
Tra gli altri sfileranno il capocontrada, la dama e il cavaliere. Quest’ultimo è colui che ad ogni manche avrà il compito di colpire con una lancia un anello appeso ad un cavo lungo il corso stando in equilibrio su un carretto: 4 tiratori delle contrade avversarie dovranno tirare e spingere il carretto il più velocemente possibile per mettere in difficoltà il cavaliere e non permettergli di colpire comodamente l’anello.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X