facebook twitter rss

La vetrina di “Palla al Centro” verso la chiusura, grande partecipazione al Veregra Street

MONTEGRANARO - Il festival proseguirà sino al 24 giugno con arti di strada, concerti, cibo della tradizione e street food, la mostra fotografica #ripartidaiSibillini e tante iniziative collaterali
martedì 20 giugno 2017 - Ore 15:26
Print Friendly, PDF & Email

Si sta svolgendo il XIX Veregra Street Festival, uno dei più grandi ed importanti festival italiani di arte di strada che porta nel centro storico di Montegranaro la magia, la meraviglia e il divertimento dello spettacolo dal vivo in tutte le sue declinazioni, i profumi ed i sapori del cibo di strada e dei piatti della tradizione marchigiana con la sezione Veregra Food, ma anche laboratori, mostre, un mercatino artigianale e tanti eventi collaterali per far vivere esperienze creative e coinvolgenti ad un pubblico di tutte le età.

Quest’anno il Festival si presenta con un nuovo format con l’arte di strada spalmata su due fine settimana – ognuno con artisti diversi – e con in mezzo “Palla al Centro”, la vetrina del Festival Marameo con produzioni di Teatro Ragazzi e Giovani del Centro Italia che viene programmata dal 19 al 21 giugno in collaborazione con l’associazione Proscenio Teatro Ragazzi di Fermo.

“Palla al Centro” è un progetto condiviso con le Regioni Abruzzo, Marche ed Umbria, e coordinato da Marco Renzi, che itinera ogni anno in ciascuna di queste regioni e che vuole essere non solo un incontro del teatro, dei giovani e delle famiglie, ma anche un forte momento di promozione del teatro ragazzi del Centro Italia e del territorio fermano che ospita l’evento.

Mercoledì 21 giugno si svolge l’ultimo giorno della vetrina con questi appuntamenti:

● ore 10,00 al Teatro “La Perla”, Compagnia Nani Rossi (Massa Carrara) in “Sogni in scatola” – teatro circo – dai 4 anni

● ore 11,30 all’Auditorium “Officina delle Arti”, Compagnia SMG (Foligno) in “Fortuna” – teatro d’attore, narrazione – dai 13 anni

● ore 16,00 all’Auditorium “Officina delle Arti”, Arti e Spettacolo (L’Aquila) in “Antigone – Metamorfosi di un mito” – teatro d’attore – dai 16 anni

● ore 17,15 al Teatro La Perla, Duo Tomassini-Laviano (Vignola-Fermo) in “La sirenetta” – prima nazionale – teatro d’attore, musica dal vivo – dai 6 anni

Un’altra intensa giornata che presenta all’inizio, alle ore 10 al Teatro La Perla, lo spettacolo di circo contemporaneo “Sogni in Scatola” della compagnia Nani Rossi di Massa Carrara che dal 2003 ha presentato i propri spettacoli e le proprie performance in molti festival italiani ed europei del settore ottenendo diversi riconoscimenti. Nel loro spettacolo, adatto ad un pubblico dai 4 anni di età in su, una scatola può essere tutto, anche sogni…basta crederci e lo fanno credere al pubblico grazie alla loro bravura nelle tecniche circensi.

Alle ore 11:30 all’Auditorium Officina della Arti ci sarà lo spettacolo di narrazione e teatro d’attore “Fortuna” della Compagnia SMG di Foligno, adatto per ragazzi dai 13 anni di età e che racconta la storia legata a Fortuna Loffredo, la bimba di 6 anni che nel giugno del 2014 fu trovata morta a Caivano (Napoli) perché precipitata dalla sua abitazione con aspetti ancora da chiarire.

Alle ore 16 sempre all’Officina delle Arti “Officina delle Arti” con la compagnia Arti e Spettacolo de L’Aquila ed in scena Serena Gaudino che presenta “Antigone – Metamorfosi di un mito”, spettacolo di teatro d’attore adatto a ragazzi dai 16 anni con testo tratto dal libro “Antigone a Scampia”, che la stessa Serena Gaudino ha scritto per documentare il lavoro che ha condotto con un gruppo di donne di Scampia, e che trasporta in una sorta di mondo parallelo dove i drammi escono dai propri confini territoriali e diventano universali.

Si termina alle 17:15 di nuovo al Teatro La Perla con la prima nazionale dello spettacolo “La sirenetta”, messo in scena dal Duo Tomassini-Laviano. Uno spettacolo di teatro e musica, voce e percussioni, adatto ad un pubblico dai 6 anni di età e basato sulla famosa fiaba di Hans Christian Andersen, la cui protagonista è una piccola sirena alle prese con il suo mondo interiore e il desiderio di conoscere quello umano al quale vorrebbe tanto appartenere. Oltre ad esprimere l’immagine della sirena romantica nella quale convivono simboli e archetipi di culture diverse, lo spettacolo pone l’accento sul difficile processo e del sacrificio che il cambiamento interiore comporta: il passaggio dall’età infantile all’età adulta prevede il disagio dell’incompletezza, del non essere né carne né pesce, dentro il quale la protagonista è immersa costantemente.

IL FESTIVAL MARAMEO

Sette Comuni, di cui sei marchigiani, 5 direttori artistici, 70 spettacoli, tre mesi e una tappa nel continente africano, a Nairobi (Kenya). Tutto questo è “Marameo”, prima edizione del festival internazionale di teatro per ragazzi che prenderà il via proprio il 19 giugno a Montegranaro con la vetrina “Palla al Centro” per poi arrivare a Formia nel Lazio e successivamente in altre cinque città marchigiane, a Recanati, Civitanova Marche, Fermo, Osimo e Porto San Giorgio. A Settembre “Marameo” abbraccerà il progetto Teatri Senza Frontiere, recandosi in uno dei paesi più poveri del mondo, in Kenya. A Nairobi, ospiti della missione di Padre Renato Kizito Sesana, metterà in piedi un laboratorio con ragazzi orfani e con loro allestirà uno spettacolo che verrà rappresentato in pubblico a conclusione della permanenza. Parallelamente le compagnie che hanno aderito al progetto effettueranno dieci rappresentazioni in Scuole e villaggi non solo di Nairobi ma anche della sua omonima contea, portando lo spirito del festival laddove l’infanzia è un diritto ancora lontano dall’essere acquisito. Per tutti gli aggiornamenti www.marameofestival.it

Ideatore e coordinatore artistico del progetto è Marco Renzi, operatore con esperienza quarantennale, ideatore, fondatore e direttore artistico per 27 anni, dal 1990 al 2016, de “I Teatri del Mondo”, di “TIR-Teatri in Rete”, autore di un’infinità di spettacoli, libri e progetti dedicati all’infanzia e alla gioventù.

Da un nuovo incontro di idee e di creatività con Giusepope Nuciari, il direttore artistico del Veregra Street Festival, è nato “Marameo”, un festival neonato ma che arriva da lontano…

Con la sua esperienza, per riuscire a creare una vetrina straordinaria sul teatro ragazzi e a tutto quello che ruota intorno al mondo dei più piccoli, Renzi ha deciso di usare la formula una direzione condivisa e plurale, oltre che con l’amico Nuciari, anche insieme a Maurizio Stammati del Festival Nazionale di Utopia a Formia ed a Marianna De Leoni e Claudio Rovagna di Osimo, con i quali condividerà il Premio Otello Sarzi destinato alle giovani compagnie teatrali di Teatro per Ragazzi.

IL VEREGRA STREET PROSEGUE SINO AL 24 GIUGNO

Dopo “Palla al Centro” il Veregra Street Festival proseguirà sino al 24 giugno con tantissimi spettacoli a rappresentare le più svariate arti di strada, concerti, il cibo della tradizione e lo street food della sezione Veregra Food, la mostra fotografica #ripartidaiSibillini e tante iniziative collaterali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X