fbpx
facebook twitter rss

Il museo del paesaggio torna a vivere grazie a 10 Comuni del Legnanese

AMANDOLA - Per la fine di luglio verrà aperta anche la sezione dedicata alle opere d’arte provenienti dalle chiese, al momento inagibili
giovedì 6 Luglio 2017 - Ore 12:04
Print Friendly, PDF & Email

 

Sono ormai terminati i lavori per la realizzazione del nuovo museo del paesaggio sistemato nella ex Collegiata ad Amandola. Torna dunque operativo e aperto tutti i giorni al pubblico, rinnovato negli arredamenti e con alcune novità importanti .

“Abbiamo riposizionato il plastico dei Monti Sibillini – ha dichiarato Giorgio Tassi, responsabile dell’ufficio turistico e direttore del museo -. Inoltre, ora saranno disponibili nuovi video che verranno proiettati e anche una macchina per gli odori. Per l’inaugurazione ufficiale aspettiamo la visita dei sindaci del Legnanese senza i quali non sarebbe stato possibile realizzare tutto questo”.

Per fine mese si aprirà anche la sezione del museo dedicata alle opere d’arte provenienti dalle chiese, che al momento sono inagibili.

Un grande esempio di solidarietà quello manifestato dalla comunità del legnanese composta da 10 grandi comuni: Busto Garolfo, Cerro Maggiore, Dairago, Canegrate, Legnano, Nerviano, Rescaldina, San Giorgio su Legnano, San Vittore Olona e Villa Cortese.

Il sindaco Adolfo Marinangeli si è detto molto riconoscente per l’amicizia e l’impegno dimostrati fin dal primo sisma dell’agosto scorso. “Finalmente torna ad essere funzionante il museo del paesaggio che raccoglie le bellezze storico-ambientali e paesaggistiche del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, chiuso perché inagibile a seguito delle devastanti scosse sismiche del 24 agosto 2016. Vogliamo ringraziare tutti i fantastici Sindaci del Legnanese, ai quali questa struttura è dedicata. Coordinati e sostenuti dall’amico Alberto Centinaio, con grande affetto e solidarietà, hanno voluto donarci, senza indugio, la realizzazione di questo sogno e permetterci di riavere, in tempi brevi, una struttura essenziale per il turismo. Grazie mille per il vostro grande cuore a voi ed a tutti i vostri cittadini che hanno sostenuto questa iniziativa. La nostra gratitudine inoltre va anche a coloro che hanno in ogni maniera contribuito, con grande affetto, a questa realizzazione: gli organizzatori, i vari sostenitori, gli imprenditori ed in particolare la cara Amica Mabi motore essenziale ed instancabile dell’iniziativa, senza la quale non avremmo mai avuto l’occasione di iniziare questa bellissima e positiva esperienza di solidarietà”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X