fbpx
facebook twitter rss

La solidarietà concreta della Protezione Civile elpidiense: un nuovo centro anziani per Montefortino

PORTO SANT'ELPIDIO - La stretta di mano tra i sindaci Franchellucci e Ciaffaroni. Il primo cittadino di Montefortino:“Dopo 30 anni d’amministratore della città, davanti a tali gesti riesco ancora a commuovermi. Non posso che iniziare ringraziando il comune di Porto Sant’Elpidio, che con il proprio operato ci è stato sempre vicino"
sabato 15 Luglio 2017 - Ore 17:35
Print Friendly, PDF & Email

 

di Maikol Di Stefano

Filippo Berdini

La protezione civile elpidiense “dona” il nuovo centro anziani al paese di Montefortino. Saranno infatti i 50.000 euro raccolti dai volontari di Porto Sant’Elpidio, a permettere la riapertura del centro in uno dei paesi colpiti dal sisma, ma rimasti spesso nell’ombra mediatica.

“Un percorso lungo” lo ha definito il primo cittadino, Nazareno Franchellucci, ricordando come siano oramai passati ben undici mesi dalla prima scossa, che nella notte ha colpito il centro Italia segnando soprattutto il borgo di Amatrice. Una scossa che in quel caso colpì anche l’entroterra fermano, al punto tale da creare disagi e sfollati nelle zone di Amandola e soprattutto di Montefortino dove venne allestita, proprio dai volontari di Porto Sant’Elpidio, una vera e propria tendopoli.

“Dopo 30 anni d’amministratore della città, davanti a tali gesti riesco ancora a commuovermi. Non posso che iniziare ringraziando il comune di Porto Sant’Elpidio, che con il proprio operato ci è stato sempre vicino. – Ha ricordato Domenico Ciaffaroni, sindaco di Montefortino – Sono arrivati subito dopo la scossa del 24 agosto, rimanendo con noi dal primo all’ultimo giorno di tendopoli, hanno montato la prima e smontato l’ultima”. Un lavoro portato avanti come sempre dai volontari, guidati dalla figura di Filippo Berdini, presidente del Radio club Costa Adriatica, gruppo capace di incassare ben 50.939 euro.

“Un risultato che è andato oltre ogni aspettativa. – spiega Berdini – I soldi sono arrivati da più realtà della comunità elpidiense. Da quella cinese di Porto Sant’Elpidio abbiamo ricevuto un totale di 7000 euro e altri 1600 euro dall’amatriciana organizzata al tempo dal Comitato del Sì, per il referendum dello scorso Dicembre”. Ora il prossimo passo sarà ricostruire, con la dead line, scelta dall’amministrazione Ciaffaroni di inaugurare il tutto entro il mese di dicembre, possibilmente in tempo per le attività natalizie. Un taglio del nastro al quale, non serve neanche dirlo, saranno sicuramente partecipi le autorità elpidiensi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X