facebook twitter rss

Fermana, il presidente Simoni
in visita al ritiro della squadra

SERIE C - "Ogni partita andrà giocata con grinta e determinazione senza mai mollare. Le gare si possono vincere o perdere, ma è importante che ognuno dia sempre tutto e si impegni per aiutare la squadra" l'esortazione del numero uno societario
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – Nella giornata di venerdì il presidente Umberto Simoni (foto) ha fatto visita alla Fermana presso il ritiro di Rivisondoli.

“Una nuova stagione sta per iniziare. Durante lo scorso campionato da bravi giocatori siete passati ad essere i migliori, come vi avevo chiesto, guadagnandovi sul campo l’accesso al professionismo. Ora è tempo di impegnarsi al massimo per approcciare e vivere al meglio questa nuova avventura ” ha esordito.

Il presidente ha ricordato poi come la terza serie nazionale comporti per tutti grandi responsabilità: il calcio diventa oltre che una passione un vero lavoro, con tutti gli onori e gli oneri connessi. La società di viale Trento ovviamente pretenderà dai propri tesserati un comportamento etico sotto ogni punto di vista e altissima professionalità anche sportiva.

“Ogni partita andrà giocata con grinta e determinazione senza mai mollare – ha esortato il numero uno gialloblù-. Le gare si possono vincere o perdere, ma è importante che ognuno dia sempre tutto e si impegni per aiutare la squadra”. Ben consapevole che nell’arco della stagione ci sarà da affrontare squadre blasonate in stadi prestigiosi, il presidente ha invitato i ragazzi a rimanere se stessi e credere nelle proprie capacità, senza avere paura di nessuno.

Ancora una volta saranno fondamentali gli insegnamenti di un allenatore preparato come Destro, di uno staff all’altezza e di una società che tiene tantissimo a fare bella figura in questo nuovo affascinante e competitivo palcoscenico. “Non deludeci e lavorate sodo. Solo con il sacrificio e l’impegno ogni traguardo diventa possibile” ha concluso Simoni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti