facebook twitter rss

Porto Sant’Elpidio capitale
della cucina marinara al festival
dei Primi d’Italia a Foligno

PORTO SANT'ELPIDIO - Sette ristoranti locali (Vaca Paca, Giardino, Ciak, Trentasette, Tropical, Gambero, Cocoon) porteranno in Umbria alcune specialità di pesce, dando vita, alla Taverna Spada, al Villaggio dei primi di mare, uno dei 13 allestiti nel centro storico folignate
Print Friendly, PDF & Email

Porto Sant’Elpidio sarà capitale della cucina marinara al Festival dei Primi d’Italia di Foligno, dal 28 settembre al 1 ottobre. Sette ristoranti locali (Vaca Paca, Giardino, Ciak, Trentasette, Tropical, Gambero, Cocoon) porteranno in Umbria alcune specialità di pesce, dando vita, alla Taverna Spada, al Villaggio dei primi di mare, uno dei 13 allestiti nel centro storico folignate. Ogni attività sarà impegnata con il titolare più un collaboratore per tutte e quattro le giornate, ma non si esclude, in caso di presenze particolarmente numerose, di incrementare il personale, soprattutto nel fine settimana.

Nutrita la schiera di relatori questo pomeriggio in sala giunta per presentare la manifestazione: c’erano il sindaco Nazareno Franchellucci e l’assessore Milena Sebastiani, l’assessore al turismo di Foligno Giovanni Patriarchi, il presidente di Epta Confcommercio Umbria Aldo Amoni, ente organizzatore, Massimiliano Romagnoli dell’associazione Italia Israele, Gian Luca Mazzocchio, organizzatore della Mezza maratona di Foligno e Giuliano De Santis del ristorante Gambero, in rappresentanza dei ristoratori che prenderanno parte alla manifestazione

“Si concretizza una storia partita l’anno scorso – ha ricordato l’assessore Sebastiani – da diversi anni abbiamo fatto promozione in Umbria e partecipato a diversi eventi, è un onore gestire lo stand dei primi di pesce. Grazie ai ristoratori che hanno accettato, con i quali stiamo condividendo tante esperienze di qualità. La trasferta inizierà giovedì e terminerà domenica. Una bella promozione per la nostra città, che al comune non costa nulla, perchè gli sforzi organizzativi sarano sostenuti tutti dalle attività che vi parteciperanno e dagli sponsor che hanno sostenuto l’iniziativa. Abbiamo pensato di distribuire un coupon che offrirà ai commensali uno sconto del 10% valido un anno nei nostri ristoranti”. Porto Sant’Elpidio porterà a Foligno una delegazione del Borgo marinaro, un gruppo folk e l’artigiano calzaturiero Armando Di Rocco.

“Siamo l’unico festival dei primi in Italia – ha sottolineato Amoni – Esistiamo da 19 anni, quest’anno avremo Mara Venier come madrina, da noi sono passati svariati chef stellati, quest’anno ci sarà anche un tocco internazionale, con uno spazio dedicato alla cucina kosher. I numeri della manifestazione sono importanti. L’anno scorso abbiamo distribuito circa 50.000 assaggi e cotto 13.000 chili di pasta. Tredici saranno anche i villaggi del gusto. Oltre alla gastronomia non manca la solidarietà. Mi fa felice questa sinergia con Porto Sant’Elpidio, che è solo un punto di partenza”.

“Con Porto Sant’Elpidio si è consolidato negli anni un rapporto che la nuova Ss77, velocizzando i collegamenti tra costa ed entroterra, ha rafforzato le relazioni. Foligno è molto legata a questo evento, probabilmente il primo lanciato dopo il terremoto del 1997, che ha accompagnato la rinascita della città. Speriamo che tante persone dalla costa decidano di passare qualche ora da noi e scoprire il nostro centro storico, dato che i villaggi saranno allestiti nelle taverne utilizzate per la Quintana”.

Massimiliano Romagnoli dell’associazione Italia Israele ha evidenziato “le grandi opportunità commerciali per chi propone prodotti kosher, un mercato che nel Nord America fattura 400 miliardi di dollari l’anno. La certificazione kosher può essere una grande opportunità per attirare un turismo ricco come quello ebraico israeliano”.

 

“Questa è una storia di entusiasmo reciproco che si sta consolidando tra le comunità marchigiane e quelle umbre  – la conclusione del sindaco Franchellucci – Tanti umbri vengono a trovarci d’estate ed abbiamo esperienze sempre più numerose di concittadini che scelgono l’Umbria per un’uscita domenicale o un weekend. Continuare a parlare di collaborazione ed amicizia tra le nostre comunità diffonde un messaggio positivo che incentiva le relazioni. Grazie ai nostri ristoratori che con passione per il loro lavoro e per la città andranno a promuovere Porto Sant’Elpidio ai Primi d’Italia”.

M.M.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X