fbpx
facebook twitter rss

Viaggia con la targa coperta:
inseguito dalla polizia stradale
si schianta contro due auto

PEDASO - Doppia carambola tra la statale Adriatica e la Valdaso. Nei guai un 24enne denunciato per guida senza patente e in stato di ebrezza e alterazione della targa. L'uomo aveva sottratto l'auto a un familiare che era all'oscuro di tutto
Print Friendly, PDF & Email

L’auto con la targa occultata da un panno

di Giorgio Fedeli

Stava viaggiando al volante di una Saab con la targa posteriore coperta da un panno quando la polizia stradale gli ha intimato l’alt, invece di fermarsi, ha premuto sull’acceleratore finendo la sua folle fuga contro due auto in sosta. Il tutto è avvenuto questa notte, intorno alle 4, lungo la statale Adriatica, a Pedaso. Un uomo di origini marocchine, di circa 40 anni, era al volante di una Saab con la targa coperta da un panno. Un ‘particolare’ che non è sfuggito agli occhi di una pattuglia della polizia stradale che ha incrociato l’auto. E da lì l’alt. Ma il giovane, di tutta risposta, invece di fermarsi, ha premuto il piede sull’acceleratore tentando la fuga. Dalla statale Adriatica si è immesso sulla Valdaso e da lì ha provato a nascondersi in zona industriale. Ma quando la Stradale lo ha intravisto, è ripartito a tutto gas finendo contro una Opel Corsa. Non contento ha ingranato nuovamente la marcia sfrecciando nel centro abitato di Pedaso e finendo contro una seconda vettura parcheggiata, una Ford Focus. A quel punto la polizia lo ha bloccato. L’uomo, comunque soccorso dagli agenti della Stradale a causa dei traumi riportati a seguito delle due collisioni, è risultato privo di patente e positivo all’alcoltest. Per lui denunce per guida senza patente e in stato di ebrezza (con un tasso di tre volte superiore al limite consentito) e alterazione della targa. A seguito di accertamenti si è scoperto che il giovane aveva poco prima sottratto l’auto a un familiare che era all’oscuro di tutto.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X