fbpx
facebook twitter rss

Ai Campionati Italiani Cadetti
splendono le portacolori
della ”Renato Rocchetti”

ATLETICA - Sui tracciati di gara trentini di Cles ecco la doppia medaglia per Greta Rastelli, ma in luce ci sono anche tante altre tesserate del sodalizio di Porto San Giorgio, impegnate in discipline disparate sul campo di gara per la causa rivierasca
Print Friendly, PDF & Email

Greta Rastelli in azione su pista

CLES (TN) – L’appuntamento tanto atteso con i campionati italiani cadetti è arrivato e la spedizione dell’Atletica Sangiorgese Renato Rocchetti non è tornata a mani vuote da Trento.

L’avventura di Greta Rastelli, classe 2002, si è colorata d’argento e di bronzo. Nella mattinata di sabato 7 ottobre la velocista è scesa in pista sugli 80 m per una facile vittoria in qualificazione; nel pomeriggio, con la grinta e la determinazione che la contraddistinguono, ha lottato dal primo all’ultimo metro fino ad agguantare il terzo posto.

Domenica la Rastelli ha guidato la staffetta 4×100 m marchigiana, di cui le è stata affidata la frazione conclusiva, ad un secondo posto non del tutto pronosticabile, ma nobilitato dal crono di 48’’53. Così si è messa al collo due medaglie strameritate, giunte al termine di una stagione in cui la sprinter sangiorgese, allenata da Elisa Del Moro, è cresciuta tecnicamente, mancando di un solo centesimo il primato regionale, ha vinto gare in tutta Italia e non si è fatta fermare nemmeno dal recente infortunio alla mano, rimediato durante il riscaldamento di una gara in Molise.

La specialista delle prove multiple Martina Cuccù, tra le candidate alla vittoria nel pentathlon, ha sicuramente provato un pizzico di delusione al termine della sua gara, ma il quinto posto la conferma tra le protagoniste della specialità a livello nazionale. Nel primo pomeriggio di sabato, le fatiche della Wonder Woman sangiorgese sono iniziate con gli 80 m ostacoli, specialità di cui detiene il record marchigiano: 11’’94 e primo posto.

È stata poi la volta del salto in alto, con la Cuccù che è salita a 1,57 m e ha mantenuto la testa della classifica. Un passo falso nel lancio del giavellotto ha compromesso il risultato finale e l’ha fatta scivolare addirittura in undicesima posizione; è poi risalita al sesto posto generale grazie a un salto da 5,43 m nel lungo, per chiudere in quinta piazza dopo i 600 m, corsi in 1’49’’.

Tra le finaliste di Cles, le Marche hanno scelto altre due portacolori dell’Atletica Sangiorgese, la mezzofondista Lucia Crosta, nei 1200 m siepi, e la saltatrice in lungo Alena Binni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X