facebook twitter rss

“Nessuna mia incompatibilità,
il M5S si scusi per lo scivolone”,
la replica di Zaffiri a Maggi

ANCONA - Dalla Lega nord Marche: "Vogliamo ricordare a Maggi che se ci fosse stata incompatibilità sarebbe già stata  sollevata al momento della costituzione del Comitato, avvenuta lo scorso 12 settembre in Consiglio Regionale  con l'approvazione della  deliberazione n. 59"
Print Friendly, PDF & Email

Sandro Zaffiri

“Il Movimento Cinque Stelle oggi ha preso un grosso granchio. La nomina di Sandro Zaffiri alla vicepresidenza del Comitato per il controllo e la valutazione delle politiche,  per il capogruppo del Movimento 5 Stelle  Gianni Maggi sarebbe incompatibile con la carica di presidente della commissione di inchiesta su Aerdorica (leggi l’articolo), secondo quanto previsto dal comma 3 dell’art. 37 del Regolamento, addirittura anche come componente del Comitato stesso. Il Carroccio – si legge nella nota a firma Sandro Zaffiri e Lega Nord Marche diffusa questa sera – vuole sottolineare che il comma 3 dell’art. 37 del Regolamento Interno dell’Assemblea Legislativa delle Marche approvato di recente, testualmente recita:

Non possono far parte del Comitato il Presidente della Giunta e gli Assessori, il Presidente dell’Assemblea e i Presidenti delle Commissioni permanenti nonché i consiglieri nominati presso gli enti, agenzie, aziende dipendenti o vigilati e le società partecipate dalla Regione.

Pertanto non vi è proprio nessuna incompatibilità. Tra l’altro, vogliamo ricordare a Maggi che se ci fosse stata incompatibilità sarebbe già stata  sollevata al momento della costituzione del Comitato, avvenuta lo scorso 12 settembre in Consiglio Regionale  con l’approvazione della  deliberazione n. 59. Il Capogruppo Zaffiri chiede che il Movimento 5 Stelle dimostri almeno un minimo di umiltà presentando le proprie scuse per lo scivolone fatto”.

“Zaffiri non può far parte del comitato per la valutazione delle politiche” la segnalazione di Maggi

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti