facebook twitter rss

Asite, Fermo Libera non ci sta:
presentata un’interrogazione

POLITICA - Dopo la mancata risposta da parte dell'Amministrazione comunale, il gruppo civico si prepara a dare battaglia in Consiglio
Print Friendly, PDF & Email

Fermo Libera non ci sta: nessuna risposta dell’Amministrazione comunale sulla questione Asite, sollevata dal gruppo civico di minoranza, e così arriva un’interrogazione che dovrà essere discussa al prossimo Consiglio comunale utile. A comunicarne i contenuti è il capogruppo Gianluca Tulli:

“1) Se il Presidente dell’Asite Cippitelli, dimessosi dalla carica in seguito ad una richiesta di risarcimento milionario da parte della Corte dei Conti, faccia ancora parte o meno del CdA dell’Asite. In caso di risposta affermativa, il Sindaco pensa che il CdA stesso sia così nelle condizioni migliori per valutare tutta la situazione venutasi a creare ed eventualmente esaminare anche gli estremi di un’azione di autotutela? Che succederebbe in questo caso, Cippitelli chiederebbe un risarcimento danni a sé stesso?

2) Quali siano state le motivazioni che hanno indotto il Sindaco, anche in palese contraddizione con il suo slogan elettorale “Piazza Pulita”, a non procedere immediatamente al rinnovo del CdA dell’Asite quando prassi e buonsenso lo avrebbero imposto.

3) La percentuale di rifiuti speciali abbancati in discarica rispetto al totale conferito nel 2016 e primo semestre 2017.

4) Se si opera nel rispetto dell’autorizzazione integrata ambientale rilasciata dalla Regione.

5) Quanti sono stati i controlli e gli esiti degli stessi eseguiti dagli enti deputati a tale funzione.

6) Perché il sito pur essendo dotato di un depuratore specifico per il trattamento del percolato di discarica, il percolato stesso viene portato in altri siti per il trattamento con evidente aggravio dei costi.

7) Risulta che l’impianto di trattamento meccanico biologico sia da tempo non funzionante; stante ciò però i rifiuti urbani vengono comunque accettati e trattati con macchine prese a noleggio con evidente aggravio dei costi. Chi certifica che tale trattamento sortisca lo stesso risultato?

8) Riguardo alle isole ecologiche, sono stati rispettati i requisiti di capacità finanziaria, oltre che tecnico professionale dalla legge previsti per il bando visto che la società aggiudicataria ha un capitale sociale versato di soli 3.000 euro? A quanto ammonta il costo dell’intera operazione? Il costo si riferisce al noleggio od all’acquisto delle isole ecologiche?”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti