fbpx
facebook twitter rss

Alla Sangiorgese il torneo Luca Pelloni,
l’orgoglio del Gruppo Arbitri Marche

SOLIDARIETA' - Oltre ai nerazzurri di Promozione, in campo gli Amatori, il Borgo Rosselli e l'Olimpia. Ricordata così la memoria dell'indimenticato quanto sfortunato ragazzo, per un pomeriggio fatto di calcio e solidarietà
giovedì 2 Novembre 2017 - Ore 02:31
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra Matteo Terribili, giocatore degli Amatori San Giorgio e tesoriere dell’associazione “Luca Pelloni onlus”, i direttori di gara Joris Verrucci ed Emanuele Trementozzi e Francesco Pasqualini, presidente degli Amatori San Giorgio

PORTO SAN GIORGIO – Se l’è aggiudicato la Sangiorgese il torneo “Luca Pelloni” che si è disputato, ieri pomeriggio, all’omonimo centro sportivo, organizzato dall’Oolus intitolata allo sfortunato ed indimenticato amico del calcio fermano.

I neroazzurri, che hanno superato in semifinale per 2 – 0 il Borgo Rosselli, hanno replicato nella finalissima, con identico risultato, contro l’Olimpia che, a sua volta, aveva sconfitto con un pirotecnico 6 – 3 gli Amatori San Giorgio.

Quest’ultimi organizzatori della manifestazione, patrocinata dal Comune di Porto San Giorgio e che ha visto la preziosa partecipazione della Croce Azzurra San Giorgio Soccorso.

Una giornata di sport e amicizia dove, a vincere, sono stati tutti i partecipanti e amici di Luca Pelloni, ricordati nel modo che più avrebbe amato: giocando a calcio.

Grande l’emozione e l’orgoglio anche del Gruppo Arbitri Marche, chiamato a dirigere gli incontri, rappresentato da Emanuele Trementozzi e Joris Verrucci. “Per noi è stato un grande orgoglio rispondere alla chiamata di Matteo Terribili, giocatore degli Amatori e tesoriere della Onlus – dicono i due fischietti a fine gara –. Quando lo sport incontra la solidarietà e la beneficenza, oltre a ricordare un amico prematuramente scomparso, è d’obbligo che ognuno faccia la propria parte. Abbiamo partecipato con entusiasmo, perché il nostro gruppo è vicino da sempre al calcio e, da tempo, si muove su tanti orizzonti che vanno, spesso, oltre i canonici novanta minuti in campo. In occasioni come queste non ci tireremo mai indietro e faremo sentire la nostra vicinanza agli organizzatori, che ringraziamo ancora una volta per la stima e l’amicizia che ci hanno dimostrato”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X