facebook twitter rss

Tari a Sant’Elpidio a Mare, Terrenzi: “Il Comune non rientra tra coloro che hanno sbagliato i calcoli”

SANT’ELPIDIO A MARE – “Gli elpidiensi, alla luce dei chiarimenti, possono stare più che tranquilli – dice in merito il Sindaco, Alessio Terrenzi – e mi preme dare queste spiegazioni visto che c’è già chi sta chiamando in comune sulla scia delle notizie che sono state diffuse a livello nazionale. Noi siamo a posto, non c’è niente di cui temere”
mercoledì 15 novembre 2017 - Ore 13:10
Print Friendly, PDF & Email

 

Il sindaco Terrenzi

I cittadini elpidiensi possono stare tranquilli. Il Comune di Sant’Elpidio a Mare non rientra tra gli Enti che hanno sbagliato il calcolo dell’importo annuo dovuto a titolo di tassa rifiuti. Nell’anno 2013, con l’entrata in vigore della TARES, seppur abbia adottato, per il calcolo delle tariffe domestiche e non domestiche, il “Metodo Normalizzato” contenente nella parte variabile una “tantum” che varia a secondo del numero degli occupanti, non ha duplicato tale quota anche alle relative pertinenze. Nella suddivisione delle tariffe domestiche è stata fatta una sotto-suddivisione con le seguenti diciture: “CAT. DOMESTICA N OCCUPANTI” (abitazioni) e “CAT. PERTINENZA DOMESTICA N. OCCUPANTI” (pertinenze abitazioni). Nella prima vi è sia la parte fissa che variabile (contenente l’una tantum), mentre nella seconda la sola parte fissa. Il tutto può essere verificato nei rispettivi avvisi di pagamento già inviati nell’anno 2013.
Dall’anno 2014 in poi, approfittando della facoltà concessa dal legislatore e per una più lineare gestione del tributo, si è scelto un diverso metodo per il calcolo delle tariffe, chiamato Metodo a Parametri Variabili, che seppur preveda sempre sia la parte fissa che variabile, entrambi le componenti sono rappresentate da valori che vengono moltiplicati per i mq dell’abitazione e delle pertinenze, ma non viene applicata nessuna una tantum come invece previsto nel Metodo Normalizzato, per cui la distorsione lamentata a livello nazionale non è possibile.
Prendendo, ad esempio, una utenza domestica composta da una abitazione di mq 80 e da un garage di mq 20 occupata da 4 occupanti, la tariffa corrispondente (escludendo il 5% della quota provinciale prevista) è pari a 1,56 €/mq che è data dalla somma della parte fissa (0,29 €/mq) e di quella variabile (1,27 €/mq) per un importo totale annuo pari a € 156,00, indifferentemente che venga calcolato sulla base delle due singole superfici (prima 80 poi 20) che facendo la somma delle due superfici (100).
“Gli elpidiensi, alla luce dei chiarimenti, possono stare più che tranquilli – dice in merito il Sindaco, Alessio Terrenzi – e mi preme dare queste spiegazioni visto che c’è già chi sta chiamando in comune sulla scia delle notizie che sono state diffuse a livello nazionale. Noi siamo a posto, non c’è niente di cui temere”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X