facebook twitter rss

Il Gotha dell’Oncologia a villa Bonaparte:
‘Marcangolo’ di Bisonni e Berardi
torna nel Fermano

PORTO SAN GIORGIO - Il congresso medico ideato da dirigente medico di Oncologia del Murri di Fermo, Renato Bisonni, e dalla professoressa Rossana Berardi si terrà venerdì nella reggia di Porto San Giorgio. Iscrizione gratuita, 12 crediti Ecm
mercoledì 22 novembre 2017 - Ore 13:38
Print Friendly, PDF & Email

L’oncologo Renato Bisonni

“Sono davvero felice di aver riportato, dopo nove anni, Marcangolo nel Fermano, precisamente a Porto San Giorgio, un congresso così importante a livello regionale e nazionale che, se da un lato si prefigge l’obiettivo di fare il punto e di tirare le somme sull’anno scientifico-medico in ambito oncologico, dall’altro apre una finestra sul futuro della ricerca oncologica”. Con queste parole l’oncologo e dirigente medico dell’Uoc Oncologia dell’ospedale Murri di Fermo, Renato Bisonni, presenta la nona edizione di quella che è, a tutti gli effetti, una sua creatura. Sua, insieme alla professoressa Rossana Berardi, direttore della clinica oncologica Univpm, Aou Ospedali riuniti di Ancona. Sono loro due, infatti, ad aver ideato Marcangolo, un meeting multidisciplinare che nel corso di meno di un decennio è diventato un punto di riferimento su scala nazionale e internazionale per l’oncologia e la ricerca medico-farmaceutica. E Renato Bisonni, fresco di partecipazione al prestigioso festival culturale Kum! (leggi l’articolo), è pronto per un nuovo importante appuntamento scientifico riportando la sua “preziosa creatura” nel Fermano, dove vive e lavora. 

L’ONCOLOGO RENATO BISONNI PRESENTA IL CONGRESSO

“Il percorso dell’oncologia – aggiunge Bisonni – è lungo ma vi si viaggia con una velocità impressionante. Siamo passati dalla chemioterapia alla target teraphy. E il punto di svolta lo abbiamo vissuto negli ultimi anni con la lettura del Dna. In altre parole con i farmaci per la riattivazione del sistema immunitario abbiamo aperto una frontiera sconfinata. E, soprattutto, abbiamo ridato vita a una grande speranza”. Marcangolo 2017 si terrà il prossimo 24 novembre, a villa Bonaparte, in via Girolamo Bonaparte a Porto San Giorgio, con inizio 8,30 (per l’iscrizione e la registrazione dei partecipanti). Alle 9 presentazione del convegno da parte dei presidenti dello stesso, Renato Bisonni e Rosanna Berardi, appunto. Da lì otto sessioni scientifiche con interventi dei più grandi specialisti oncologici. Basti menzionare il presidente dell’European Society for Medical Oncology, il dottor Fortunato Ciardiello, il dottor Giuseppe Procopio dell’Istituto nazionale Tumori, il dottor Marcello Tiseo da Parma o la dottoressa Maria Grazia Ghi da Padova. Tornando alle sessioni, si va dalle terapie di supporto alle varie tipologie di tumore, da quello diffusissimo alla mammella a quelli rari. Una giornata di approfondimento scientifico di altissimo livello mirata a medici chirurghi di tutte le discipline, farmacisti, biologi, infermieri e psicologi (al convegno sono stati riconosciuti 12 crediti Ecm (per 100 partecipanti). Il congresso gode del patrocinio degli Ospedali Riuniti, dell’Università Politecnica delle Marche, delle città di Porto San Giorgio e Fermo, e dell’Asur Marche Av4.

COME E DOVE ISCRIVERSI

Villa Bonaparte

L’iscrizione è gratuita e potrà essere effettuata online sul sito www.congressare.it, nella sezione Eventi Ecm (CLICCA QUI).

GLI OBIETTIVI DEL CONGRESSO

“Il congresso – aggiunge l’oncologo Bisonni – è diventato ormai un appuntamento annuale e itinerante nell’ambito delle Marche e si pone l’obiettivo di fare il punto della situazione a fine anno sulle novità emerse in ambito oncologico nel corso dell’anno. Anche quest’anno siamo stati fortemente incoraggiati dal notevole successo riscosso nelle precedenti edizioni. Parliamo di un meeting multidisciplinare principalmente rivolto a oncologi, chirurghi, gastroenterologi, pneumologi, radiologi e radioterapisti che vogliano approfondire le loro conoscenze principalmente per ciò che concerne l’approccio terapeutico integrato e le novità terapeutiche di alcune tra le neoplastie per le cui ad oggi non esiste sempre una strategia terapeutica univoca o sono comunque disponibili svariate opzioni. Quindi la scelta della strategia e della sequenza diventano cruciali.

LA SPERANZA

Come nelle precedenti edizioni, prevediamo anche una sessione sulle terapie di supporto nel paziente oncologico. E guardiamo con speranza soprattutto ai giovani specialisti. Tra di loro, infatti, l’esigenza di aggiornarsi è particolarmente sentita. Ma ciò, a volte, si scontra con la difficoltà di partecipare a congressi e meeting, spesso onerosi, soprattutto all’estero. Da tutto ciò è nata nove anni fa la volontà di di organizzare un incontro annuale di altissima qualità in ambito regionale con relatori di livello scientifico assoluto, incontro totalmente gratuito per i partecipanti”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X