facebook twitter rss

Ultimo Consiglio comunale con polemiche, i 5 Stelle: “Da ieri Fermo è più indebitata”

POLITICA - Il Movimento contesta lautorizzazione alla sopraelevazione di un ulteriore piano per due strutture ricettive presenti sul lungomare e l'autorizzazione data alla Solgas Immobili per la stipula di un nuovo mutuo di 1,9 milioni di euro
venerdì 22 dicembre 2017 - Ore 15:39
Print Friendly, PDF & Email

Due, secondo il Movimento 5 Stelle, sono state le questioni più dibattute del Consiglio comunale di Fermo tenutosi ieri.

“La prima – rimarcano i consiglieri Marco Mochi e Mirko Temperini – ha visto la maggioranza che sostiene questa Amministrazione autorizzare la sopraelevazione di un ulteriore piano per due strutture ricettive presenti sul lungomare fermano che, come è stato giustamente osservato, visto l’impatto sulla costa, erano state bloccate da oltre dieci anni dalle due precedenti giunte. Ma ancora più grave è stata l’autorizzazione data alla Solgas Immobili per la stipula di un nuovo mutuo di 1,9 milioni di euro necessario anche per coprire le spese effettuate per la manutenzione dei locali di Piazza Dante che hanno ecceduto la ricapitalizzazione iniziale di 400.000 euro e che, insieme ad altri debiti, hanno reso necessario un ulteriore indebitamento per oltre 600.000 euro. Anche in quest’ultimo caso si è osservata la sproporzione tra spesa e risultato ottenuto. Non ultimo osserviamo che l’estinzione del mutuo, dopo questa operazione, passa dal 2032 al 2043.

E’ stata anche evidenziata l’ennesima ‘bugia’ elettorale della coalizione di maggioranza, che nel programma di mandato aveva promesso di utilizzare il ricavato della vendita della Solgas per la estinzione ‘immediata’ dei mutui mentre nella realtà non solo questo non è stato fatto ma, addirittura, abbiamo assistito ad un loro aumento.

Anche il tentativo di nascondere questo impegno con urgenti e imprevisti lavori da effettuare in varie parti della città non regge. Ora ci si trova senza gli utili di una partecipata e con maggiori spese per oltre venti anni”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X