facebook twitter rss

La Regione punta sul vuoto a rendere,
Giacinti: “Obiettivo garantire il riutilizzo dei contenitori di vetro e plastica”

INIZIATIVA - Il Consiglio regionale ha approvato alla unanimità una risoluzione, per puntare sul vuoto a rendere al fine di ridurre la produzione dei rifiuti. Previsti incentivi per le imprese che adottano la filosofia del riutilizzo
mercoledì 17 Gennaio 2018 - Ore 11:34
Print Friendly, PDF & Email

 

Ridurre la produzione di rifiuti mediante la promozione della filiera del vuoto a rendere è possibile. Questa l’essenza della risoluzione approvata oggi, alla unanimità, dal Consiglio regionale di cui è parte integrante la mozione presentata dal Presidente della Commissione Ambiente della Regione Marche, Andrea Biancani e sostenuta dal Presidente della Prima Commissione Giacinti e da altri consiglieri regionali.

“Ovviamente – afferma Giacinti – il successo di questa iniziativa, che la Regione intende avviare, dipenderà anche dal numero dei soggetti che aderiranno e dai consumatori. L’obiettivo è quello di sensibilizzare proprio chi produce e consuma vetro e plastica per favorire la realizzazione di buone pratiche di economia circolare, ridurre la produzione dei rifiuti e indirizzare gli enti pubblici verso un miglioramento della loro gestione”.
Con la pratica del vuoto a rendere le bottiglie di vetro e di plastica possono essere riportate dal consumatore e poi riutilizzate, dopo un processo di igienizzazione, dalle 10 alle 40 volte.

L’utente dovrà versare una cauzione che gli sarà restituita al momento della restituzione dell’imballaggio usato. Nello specifico la cauzione si applica al momento dell’acquisto di imballaggi contenenti birra o acqua minerale serviti al pubblico dagli esercizi che somministrano bevande. Questo per far si che già dalla prossima estate nelle centinaia di iniziative enogastronomiche, sagre, concerti, ecc. si adotti il principio del vuoto a rendere. In questo modo si eviterà di avere al termine delle manifestazioni grandi quantità di rifiuti da raccogliere e smaltire, dando un forte segnale di civiltà. Ne nasce un vantaggio con il risparmio delle risorse vergini e quelle energetiche connesse alla produzione delle bottiglie con una conseguente minore produzione dei rifiuti.
“Per raggiungere l’obiettivo – prosegue Biancani – la Regione sosterrà, attraverso l’uso dei Fondi europei, le iniziative imprenditoriali che prevedono nel loro ciclo produttivo il principio del vuoto a rendere.”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X