facebook twitter rss

L’odore assordante del bianco: Alessandro Preziosi in versione Van Gogh a teatro

FERMO - “Vincent Van Gogh, l’odore assordante del bianco” è il titolo dello spettacolo di Stefano Massini, in programma sabato 20 e domenica 21 gennaio alle 21 al teatro dell’Aquila
mercoledì 17 Gennaio 2018 - Ore 13:57
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Giacopetti

“Vincent Van Gogh, l’odore assordante del bianco” è il titolo dello spettacolo di Stefano Massini, in programma sabato 20 e domenica 21 gennaio alle 21 al teatro dell’Aquila. Protagonista l’attore Alessandro Preziosi, nei panni del noto pittore olandese: “Quando ho letto il testo sono rimasto senza parole. Come dice il titolo, – ha spiegato nella odierna conferenza stampa lo stesso Preziosi – il fatto che il colore predominante sia il bianco, per un pittore è uno strazio. Eppure alla fine della lettura io ho visto il colore, immedesimandomi molto in chi ha manifestato una morte così violenta dal punto di vista creativo. Il testo, infatti, – spiega Alessandro Preziosi – racconta il processo alla base della creatività e il suo percorso, rispondendo alla domanda ‘sulla base di cosa un artista, un pittore, un attore crea’. Credo che l’arte e la scienza cambino la vita degli uomini. Nel testo c’è una componente legata alla infanzia del pittore olandese, alle letture, alla formazione e alle persone che ha incontrato, come il fratello Teo. Ci sono, quindi, le spinte che Vincent ha ricevuto dal punto di vista umano”.

Alessandro Preziosi si è detto estasiato dalla bellezza del Teatro dell’Aquila, dove aveva già portato lo spettacolo Cyrano, e dalla bellezza del panorama marchigiano. “Finalmente posso portare in scena quello che i miei occhi vedono”, ha detto l’attore prima di definire lo spettacolo “un lavoro che ha richiesto la presenza di una persona di fiducia come il regista Alessandro Maggi. Prima dello spettacolo io ho scelto di non vedere dal vivo i quadri di Van Gogh. Li ho incontrati per caso a settembre in Francia durante una visita al museo d’Orsay, soffermandomi a guardarli in maniera approfondita. Non sono in grado di raccontare l’incontro con il pittore ma posso dire che si è creata una rarissima intimità – ha aggiunto Alessandro Preziosi definendo Van Gogh – un pittore con una grande forza creativa che non può essere scambiato per un pazzo. E’ un creativo con l’obiettivo di essere una cosa sola con la natura. Passava giornate intere nel rapporto con la natura”.

Alessandro Maggi, regista di “Vincent Van Gogh, l’odore assordante del bianco” ha definito Alessandro Preziosi un attore che “ha raggiunto la fama attraverso fiction e film ma è anche uno straordinario attore teatrale. Sa inserirsi nel processo di costruzione di personaggi più complessi che richiedono una ricerca interiore maggiore e più sofisticata. Il testo ha vinto l’importante premio Tondelli ed è considerato alla stregua di grandi testi classici. Ciò porta ad un lavoro di resa di maggiore complessità”.

Da parte del sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro c’è stato il benvenuto e il ringraziamento all’Amat per aver portato lo spettacolo Vincent Van Gogh, l’odore assordante del bianco al teatro dell’Aquila di Fermo, “che è motore dell’attività cittadina, sempre più utilizzato e aperto alla vita della città. Il perno è ovviamente costituito dalla stagione di prosa, punto di riferimento del territorio”, ha concluso il sindaco anticipando la sua presenza allo spettacolo di sabato sera.

A fare da moderatore nella presentazione odierna, Gilberto Santini dell’Amat che ha passato la parola a Francesco Trasatti, assessore alla Cultura: “Preziosi conosce il teatro dell’Aquila e conosce Fermo perché era stato qui con lo spettacolo Cyrano. Con piacere portiamo quest’anno una residenza di allestimento all’interno di un grande lavoro su lirica e prosa. E’ una occasione unica per far vivere il teatro e dalla biglietteria mi arrivano buoni numeri, in linea con i risultati degli abbonamenti che hanno superano le 500 tessere. Un record nel ventennale della riapertura del teatro dell’Aquila dopo la ristrutturazione”.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X