facebook rss

Donati: «L’ospedale di Fermo avrà
la mensa interna degna di questo nome,
un successo della Cisl Fp»

FERMO - Destinata ai i dipendenti ed anche gli assistenti dei pazienti. Previsti dei "cestini" per chi non può allontanarsi dal reparto. La Cisl chiede nuove assunzioni per il servizio
domenica 21 gennaio 2018 - Ore 10:50
Print Friendly, PDF & Email

 

Giuseppe Donati

“Anche l’ospedale di Fermo avrà una mensa interna per i dipendenti ed anche gli assistenti dei pazienti, degna di questo nome”. A darne notizia è Giuseppe Donati, segretario generale Cisl funzione pubblica. Donati che continua: “Questo è l’importante risultato che la Cisl Fp Marche ha ottenuto, dopo anni di attesa e di speranze vane, grazie alla sua azione di denuncia e di rappresentanza dei bisogni dei lavoratori. Quando subito dopo l’estate, la Cisl Fp ed i suoi rappresentanti Rsu hanno iniziato a raccogliere le firme dei dipendenti dell’Area Vasta 4 nell’ambito della petizione intitolata: “Vogliamo una mensa come Dio comanda” in tanti si sono mostrati scettici. Addirittura i soliti “disfattisti” che sanno solo criticare e giudicare ma non s’impegnano mai in nulla, avevano accusato la Cisl Fp di voler limitare il diritto di accesso alla mensa. Molti di questi “disfattisti” erano quelli che addirittura utilizzavano la mensa interna in modo, diciamo, disinvolto e quindi temevano di perdere un privilegio. Sta di fatto che la Cisl Fp con quella petizione ha raccolto più di 300 firme di lavoratori che ha inviato alla Direzione di Area Vasta 4 ma soprattutto alla Direzione Generale Asur e all’Assessore alla Sanità nonché Presidente della Regione.

LA COLLABORAZIONE CISL-AV4

A distanza di qualche mese, grazie alla sensibilità mostrata dalla Direzione di Area Vasta e al buon lavoro della Direzione Medica di Presidio, i locali ove poter attivare la nuova mensa sono stati individuati, eseguiti i lavori strutturali di adeguamento ed ora siamo solo in attesa dell’arrivo dei nuovi arredi. Ad aprile la nuova mensa interna dell’Ospedale di Fermo potrà vedere la luce, in locali assolutamente dignitosi e spaziosi, spazi per circa 50 persone presenti, e con la possibilità di fornire pasti anche ai familiari dei malati ricoverati.

Tutto questo è veramente un successo che come Cisl Fp ci ascriviamo e che intendiamo consegnare ai dipendenti dell’Area Vasta 4, colmando una delle tante differenze che hanno contraddistinto, purtroppo in negativo, l’area vasta fermana. L’ospedale di Fermo, infatti, è  l’unico tra quelli di Area Vasta a non avere una mensa “Come Dio comanda”, appunto.
Non ci siamo però fermati qui. La Cisl Fp ha anche chiesto di rispondere all’esigenza di tutto quel personale che per motivi di servizio non potrebbe abbandonare il posto di lavoro e che quindi resterebbe senza la possibilità di fruire del diritto al pasto. Insieme alla Direzione di Area Vasta si è convenuto di attivare una distribuzione di “cestini” nei Reparti e Servizi in cui opera personale che deve garantire continuità di servizio.

IL NODO ‘PERSONALE’

La preparazione e la cottura dei cibi per la mensa saranno garantiti dalla cucina interna dell’ospedale ma sarà concordato un menù vario che potrà soddisfare più esigenze dietetiche. Questo è quello che il direttore Av4 Livini ha garantito. Il progetto che ad aprile prenderà il via, quello della nuova mensa interna, potrebbe però trovare l’ostacolo della carenza, grave e  presente da troppo tempo, del personale di cucina. Sono cinque le unità di personale mancanti. Qualora si conteggiassero anche le tre unità di personale che finalmente ritorneranno ad Amandola ove verrà riattivata la cucina per la preparazione dei pasti degli ospiti della Rsa riaperta presso l’ex scuola elementare, si arriverebbe alla carenza di otto unità. Situazione questa non sopportabile e non più tollerabile visto che la cucina di Fermo provvede alla preparazione di circa 400 pasti al giorno per tutta l’Area Vasta 4.

La Cisl Fp ha chiesto insieme a tutta la Rsu nell’ultimo incontro con la Direzione di Area Vasta 4 di provvedere in tempi rapidi all’assunzione del personale mancante. Questo, non solo per rendere possibile l’attivazione della mensa interna ma soprattutto per garantire ai degenti del Presidio di Fermo e non solo, un vitto vario nel rispetto dei diversi regimi dietetici. Attualmente, ma non è da oggi, il menù proposto ai degenti è un menù ridotto nella scelta proprio a causa della grave carenza di personale di cucina. Come Cisl Fp saremo molto vigili e marcheremo strettissima la Direzione affinché l’intollerabile carenza di personale della cucina venga presto ovviata con nuove assunzioni. Tra l’altro, è urgente almeno sostituire le tre unità di personale che ritornerà ad Amandola e non potrà farlo se non arriveranno le sostituzioni. Anche su questa partita, la Direzione di Area Vasta si è detta disponibile. Rimane il successo della Cisl Fp Marche per aver avuto la forza e la costanza di credere in un progetto difficile, lavorarci seriamente coinvolgendo i soggetti decisionali per poi ottenere il risultato di una nuova mensa interna per il personale di cui in tanti avevano parlato negli ultimi anni ma nessuno aveva centrato l’obiettivo. La Cisl Fp Marche , invece, lo ha reso possibile”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..



2 commenti

  1. 1
    Daniela Donati il 21 gennaio 2018 alle 10:12

    Bellissima iniziativa

  2. 2
    Samuela Andreoli il 21 gennaio 2018 alle 16:12

    Speriamo anche un po’ di rivisitazione nel menú

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X