facebook twitter rss

”Montegiorgio punito da un rigore
inesistente”, parole di Zeno Cesetti

ECCELLENZA - Le immagini televisive scagionano la formazione di mister Massimo Paci dal fallo che ha decretato il penalty con il quale la Pergolese ha vinto di misura il confronto interno al cospetto della capolista. Il commento del direttore sportivo rossoblù
Print Friendly, PDF & Email

Il difensore rossoblù immobile, mentre la punta locale si lascia cadere in area

MONTEGIORGIO – Le dinamiche che hanno portato alla terza sconfitta stagionale della capolista dell’Eccellenza regionale continuano a creare fastidiose appendici post gara, difficili da mandare giù ( leggi il nostro articolo ).

Le immagini televisive visionate nella serata di domenica scorsa sembrano proprio scagionare dal fallo che ha decretato il penalty l’autore dello stesso, il centrocampista Omiccioli, che oltre al danno nell’occasione ha subito la classifica beffa: giallo del caso e, considerata la diffida, eccone maturare l’automatica squalifica“.

Il diesse del Montegiorgio, Zeno Cesetti

“Arrivavamo da un buon momento considerando che nelle sei gare precedenti avevamo ottenuto tre vittorie e tre pareggi – afferma il direttore sportivo del Montegiorio, Zeno Cesetti –. A Pergola è arrivata una sconfitta di misura: maturata su un calcio di rigore che le immagini hanno confermato essere inesistente. Un errore che sottolineo è arrivato da un direttore di gara fuori regione, nessuna intenzione di fare polemica ci mancherebbe altro, ma rimane il rammarico per una partita persa per un errore arbitrale che speriamo rimanga un caso isolato. Da parte nostra, ora, l’attenzione è esclusivamente rivolata a prepararci al meglio in vista del match di domenica prossima contro l’Atletico Alma, squadra che sta disputando un campionato di altissimo livello. Dei nostri ragazzi siamo estremamente soddisfatti, siamo in testa da venti giornate: un cammino fuori da ogni prospettiva di inizio stagione. Continuiamo a dare il massimo e ad affrontare gara dopo gara al massimo”.

Paolo Gaudenzi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti