facebook twitter rss

Porto Sant’Elpidio, non era influenza suina ma un grave caso di virus influenzale: numeri in flessione

SANITÀ - L’ultima segnalazione di forma grave riguarda Porto Sant’Elpidio, con un paziente in rianimazione all’ospedale di Civitanova Marche, che è stato erroneamente indicato come affetto da influenza suina
Print Friendly, PDF & Email

 

Nelle Marche l’influenza è in leggera flessione rispetto alle settimane precedenti. Il numero dei casi è in diminuzione, con probabile superamento del picco epidemico. Ma l’andamento della malattia potrebbe rivelarsi ancora lungo e l’incidenza si mantiene al momento su livelli significativi. Attualmente si registrano 19 casi per mille assistiti. La fascia di età maggiormente colpita è quella dei bambini. Lo evidenziano i dati della sorveglianza dell’influenza stagionale “Influent”, che si basano sulle segnalazioni dei medici sentinella (rete di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta che segnalano i casi osservati tra i loro assistiti).

Dall’inizio della sorveglianza stagionale (mese di settembre), in tutta Italia sono stati registrati 530 malati gravi e in 96 è sopraggiunto il decesso. Le Marche evidenziano sei casi gravi (tra i quali due decessi), contraddistinti da insufficienza respiratoria, tutti verificatisi in persone adulte con precedenti fattori di rischio (obesità, diabete, malattie tumorali e cardiorespiratorie, deficit immunitari). Quattro delle persone colpite gravemente non erano vaccinate per l’influenza stagionale.

L’ultima segnalazione di forma grave riguarda Porto Sant’Elpidio, con un paziente in rianimazione all’ospedale di Civitanova Marche, che è stato erroneamente indicato come affetto da influenza suina. In realtà il paziente è stato colpito da un virus influenzale A/H1N1, che circola in Italia dal 2009. Paziente che è stato trasferito in un centro specializzato per garantire il supporto Ecmo, una tecnica di circolazione extracorporea utilizzata per trattare pazienti con insufficienza respiratoria acuta grave, refrattaria al trattamento farmacologico convenzionale. Anche in questo caso la patologia si è aggravata in seguito a preesistenti patologie, che il virus influenzale ha accentuato. I dati della sorveglianza “Influent” evidenziano che nelle Marche, come nel resto d’Italia, risultano prevalenti i ceppi di tipo B (40% dei casi circa).

L’attività influenzale dell’epidemia stagionale in corso, che a livello nazionale appare come la più rilevante dal 2004, continuerà probabilmente ancora per alcune settimane. I dati epidemiologici evidenziano l’importanza della vaccinazione, che rimane il principale strumento di prevenzione dell’influenza e diventa di fondamentale importanza nei soggetti a rischio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X