fbpx
facebook twitter rss

“Reunion 118”, terza edizione da sold out:
amicizia e divertimento al Casale
(le foto della serata)

ALTIDONA - Cristiano Ninonà della Misericordia Montegiorgio e Alessandro Lamponi della Croce azzurra Sant'Elpidio a Mare hanno organizzato per la terza volta la conviviale delle pubbliche assistenze. E forti della riuscita dell'evento si inizia già a ragionare sull'edizione 2019
Print Friendly, PDF & Email

Sorrisi, strette di mano, abbracci. Ma anche racconti e scambi di esperienze davanti ai succulenti piatti preparati dai cuochi del Casale di Altidona, musica, karaoke. E l’immancabile torta finale, rigorosamente a tema. Tutto perfetto, ieri sera, al ristorante Il Casale di Altidona, alla terza “Reunion 118” organizzata da Cristiano Ninonà della Misercordia Montegiorgio e Alessandro Lamponi della Croce azzurra Sant’Elpidio a Mare-Monte Urano. A dire la verità qualcosa in più del “perfetto”. Sì perché anche gli stessi organizzatori sono rimasti piacevolmente sorpresi dal numero di adesioni. Ieri sera al Casale sono arrivati circa 120 militi che, svestiti gli abiti dell’emergenza, hanno deciso di passare tutti insieme una serata all’insegna dell’allegria e della spensieratezza. Numeri più che raddoppiati rispetto alle precedenti due edizioni. Alla Reunion hanno partecipato le pubbliche assistenze Misericordia Montegiorgio, Misericordia Grottammare, Le Potes e la centrale operativa 118, la Croce azzurra di Sant’Elpidio a Mare, la Croce rossa di Comunanza-Cento Soccorso, la Croce verde di Fermo, la Croce verde di Monte San Pietrangeli, la Croce verde Valdaso, la Croce Arcobaleno, la Croce verde San Benedetto del Tronto, la Croce verde di Torre San Patrizio e la Croce azzurra di Porto San Giorgio.

I RINGRAZIAMENTI DI CRISTIANO NINONA’ E ALESSANDRO LAMPONI

“Quello che per gli altri è perdita di tempo, per me è vita. Vero – il messaggio e il ringraziamento che Ninonà e Lamponi hanno recapitato a tutti i presenti con una lettera sui tavoli – questo tempo rappresenta tanto, è vitale, per noi, questa “perdita di tempo”. Tempo di corse in ambulanza a sirene spiegate, tempo di tenerezza verso persone fragili e spaventate, tempo di decisioni drammatiche e di lacrime trattenute a fatica, ma anche tempo di piccoli, grandi, episodi: un grazie, un sorriso, la persona anziana che stringe le nostre mani segnate sul viso da profonda gratitudine. Ed in ogni istante di ciascuno di questi momenti, ci accorgiamo che il nostro posto è questo, che il nostro tempo è questo, il miglior modo di ‘perdere tempo’. Grazie per il tempo che perdete! Grazie per essere qui presenti questa sera, per il terzo anno, sempre più numerosi, questa riuscita è grazie a tutti voi, è un grosso stimolo per noi. Quindi buona serata a tutti e ci rivediamo il prossimo anno alla quarta reunion 118″.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X