facebook twitter rss

Il centrosinistra ufficializza Ramadori: “Sarà il sindaco che farà rinascere Montegiorgio”

POLITICA - La coalizione attacca il centrodestra guidato dal primo cittadino Benedetti: "Non hanno nessuna visione di quale futuro prefigurare per Montegiorgio ed i suoi abitanti, né l’umiltà di condividere con essi scelte strategiche difficilmente ripetibili"
Print Friendly, PDF & Email

La coalizione di centrosinistra ha ufficializzato la candidatura a sindaco di Montegiorgio dell’ingegner Marco Ramadori. “Montegiorgio ed i suoi cittadini – commentano i referenti dei vari partiti e liste – hanno vissuto negli ultimi dieci anni un progressivo, evidente ed apparentemente inarrestabile declino e degrado; 5° Comune per estensione territoriale e 7° per numero di residenti dei 40 Comuni della Provincia di Fermo, da sempre punto di riferimento per tutto il territorio della Media Valle del Tenna per la presenza di servizi ed istituzioni anche sovracomunali (ospedale, liceo, caserma dei carabinieri, caserma ex forestale, tiro a segno nazionale, etc.), ha ormai perso la centralità ed anche la vitalità che per decenni lo hanno contraddistinto.

Le cause sono integralmente imputabili all’Amministrazione di centro.destra che ha avuto responsabilità di governo negli ultimi dieci anni e che, non avendo nessuna visione di quale futuro prefigurare per Montegiorgio ed i suoi abitanti, né l’umiltà di condividere con essi scelte strategiche difficilmente ripetibili, di fatto ha immobilizzato l’Ente assistendo impotente al suo declino politico ed amministrativo.

Tra le tante questioni si citano:

– la mancata condivisione e considerazione delle volontà dei cittadini in scelte non facilmente ripetibili e che incidono pesantemente sul tessuto economico e sociale dell’intero territorio, come la realizzazione di un ipotetico nuovo Polo Scolastico, la cui collocazione nella Località di Crocedivia risulta negativa per l’economia, lo sviluppo e la stessa sopravvivenza del Centro Storico;

– le politiche tariffarie e imposizioni varie che, nonostante siano fra le più alte dell’intera Provincia, non sono destinate a finanziare investimenti in infrastrutture, tecnologie, innovazioni e formazione bensì solo alla gestione dell’esistente senza alcuna progettualità futura;

– il depauperamento del personale non sostituendo i dipendenti in quiescenza, con la conseguenza di dover esternalizzare servizi e attività strategiche per l’Ente, come ad esempio la gestione dei tributi o i servizi informatici:

– la mancata risoluzione di problematiche specifiche che erano state oggetto di promesse elettorali mirabolanti, tra cui la riqualificazione di Palazzo Colonna (sotto il quale è stato posizionato il punto informativo, un bel biglietto da visita per Montegiorgio), nonché la gestione e valorizzazione delle Frazioni.

Anche per queste evidenze e per raccogliere le istanze della cittadinanza che chiede un cambiamento radicale del modo di amministrare, si ritiene necessario assumere la responsabilità della formazione di una coalizione affidabile, ampia, competente e coesa, in grado di garantire quel cambio di passo necessario per dare risposte ai tanti bisogni della cittadinanza.

Per conseguire questi obiettivi si intende costituire una lista che raccolga in sé la condivisione di un progetto politico programmatico per Montegiorgio tra le forze politiche di centro-sinistra, del mondo cattolico, della società civile, del mondo dell’associazionismo e del volontariato.

Il candidato sindaco individuato dalla coalizione è l’ingegner Marco Ramadori, persona seria, disponibile e con la necessaria esperienza, che, insieme a tutte le forze in campo, saprà bene amministrare Montegiorgio realizzando quel cambio di passo che sia il Paese che i cittadini aspettano da troppi anni.

Convinti della necessità di un simile cambiamento, e dell’appoggio dei Montegiorgesi a cui si chiederà non solo il sostegno ma anche la partecipazione nella redazione del programma elettorale e nell’allargamento della coalizione, si avvierà nelle prossime settimane un percorso di ascolto e dialogo con la cittadinanza”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X